Laboratorio Sanità 20/30 a Napoli: nuove tecnologie per l’assistenza

50

Arriva a Napoli il 7 e 8 luglio il “Laboratorio Sanita’ 20/30”, tappa fondamentale verso il 17/o Forum Risk Management in Sanita’. L’evento, si legge in una nota, si fa in Campania, considerata “una grande regione del Sud che ha dimostrato di saper ben ripartire dopo un lungo commissariamento e che ha gestito con grande efficacia l’emergenza pandemica, dimostrando di avere tutti i numeri per parlare al Paese a nome del Mezzogiorno dove, con la pandemia, sono aumentate ancora di piu’ aree di poverta’ e diseguaglianze”. Il laboratorio si svolge a Città della Scienza, promosso dalla Fondazione Gutenberg per l’Innovazione e la sicurezza in Sanita’, in collaborazione con AGE.NA.S. Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, con il patrocinio dell‘Istituto Superiore di Sanità, la Regione Campania, il Comune di Napoli e la Conferenza delle Regioni e Province autonome. “E’ una grande opportunita’ – commenta nella nota il presidente della Campania Vincenzo De Luca – per il confronto concreto e aspettiamo a Napoli le Regioni e le istituzioni nazionali per stimolare una visione condivisa del cambiamento necessario e per creare regole certe sulle dotazioni di risorse umane e sulle strumentazioni necessarie al buon funzionamento dei nuovi presidi sanitari e sociali nel territorio”. L’evento di Napoli sara’ occasione per tornare sul tema del riparto tra Regioni del Fondo Sanitario Nazionale e per puntare quindi al superamento dei contrasti denunciati dal governo regionale campano. Al centro dell’evento la discussione e l’analisi sui contenuti della Missione 6 del PNRR e i fondi ad essa correlati, che rappresentano “una condizione eccezionale e irripetibile per tutte le regioni”, in particolare per quelle del Sud di recuperare i ritardi e puntare, come prevede il Piano Integrato di Salute, al miglioramento dello stato di salute delle comunita’ e quindi della sua qualita’ della vita, rafforzando la prevenzione e l’assistenza sul territorio con l’integrazione tra servizi sanitari e sociali, ammodernando le dotazioni tecnologiche del Servizio Sanitario Nazionale, potenziando il Fascicolo Sanitario Elettronico, sviluppando la telemedicina, sostenendo le competenze tecniche, digitali e manageriali del personale del sistema sanitario. L’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali presentera’ proprio a Napoli la piattaforma Nazionale di Telemedicina e le linee guida per i programmi delle regioni. “AGENAS in questi mesi – dichiara il Presidente dell’Agenzia, Enrico Coscioni – e’ fortemente impegnata nel supportare il Ministero della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano nel potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale. Sono contento che Laboratorio Sanita’ 20/30 rappresenti il momento in cui e’ possibile tracciare un primo bilancio delle attivita’, soprattutto riguardo la Telemedicina e la Teleassistenza. Ricordo che all’interno dell’Agenzia all’indomani dell’approvazione della valutazione del PNRR da parte del Consiglio dell’Unione Europea si e’ costituito un tavolo di lavoro per la Telemedicina e per le Linee guida del modello digitale per l’implementazione dell’assistenza domiciliare. Essere arrivati a meno di 12 mesi dall’ok dell’UE a presentare i provvedimenti consequenziali, frutto dell’impegno dei tanti professionisti coordinati dall’AGENAS, e’ certamente un segnale importante nei confronti dei nostri cittadini pazienti”. A Napoli sara’ presentato anche l’Osservatorio sullo stato di avanzamento dei programmi PNRR in ogni azienda sanitaria e la condivisione di buone pratiche.