L’Afrodite di Capua a Buenos Aires. In passerella i modelli di Attolini, Benigno, Marinella e Rubinacci

190

La statua di “Afrodite di Capua”, proveniente dal Museo archeologico di Napoli, è giunta a Buenos Aires, dove sarà esposta a partire da giovedì nel Museo di Bellas Artes della capitale argentina, nell’ambito di un ciclo culturale denominato “La forma della bellezza”, organizzato in queste settimane dall’ambasciata d’Italia. Rinvenuta nelle rovine dell’anfiteatro dell’antica Capua nel 1750, la statua marmorea è databile intorno al II secolo d.C., ed è copia di un originale in bronzo greco del IV secolo a.C. L’arrivo del prezioso reperto è immortalato oggi in prima pagina dal quotidiano ‘Clarin’ che nella didascalia di una foto sottolinea che la Afrodite seminuda (Venere per i romani) “ha quasi 2.000 anni, è alta due metri ed è giunta da Napoli coperta con una assicurazione di 1,5 milioni di euro per essere esposta fino al 17 febbraio 2019”. La presentazione ufficiale del prezioso reperto avverrà domani sera nel Museo di Bellas Artes durante un cocktail che prevede anche una sfilata di moda con prodotti Marinella, Rubinacci, Attolini e Francesco Benigno.