L’Ambasciata italiana aderisce all’Art Week di Tunisi

27
In foto Moez Sinaoui, ambasciatore della Tunisia in Italia

L’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura a Tunisi partecipano all’ “OPEN ART WEEK – WAO”, evento dedicato all’arte contemporanea nel mondo che, per la sua prima edizione, coinvolge Italia e Tunisia, due paesi storicamente e culturalmente legati. L’Open Art Week è un festival poliedrico che vedrà ben 49 artisti internazionali esibirsi in 30 spazi d’arte, in un mix di concerti, spettacoli teatrali, danza, workshop e incontri. La prima settimana di eventi si è tenuta a Perugia alla fine di settembre e ha avuto come protagonisti gli artisti tunisini. Dal 13 al 21 ottobre Open Art Week andrà in scena a Tunisi con performance di artisti venuti appositamente dall’Italia.
Si comincia il 13 ottobre al Café Culturel Liber’Thé con il concerto della band Espada fondata dal musicista Giacomo Gigli, si continua alla Maison de l’Image con il vernissage “Friendly Fire” del fotografo e documentarista Mattia Micheli e poi al Cine-Teatro Le Rio con lo spettacolo di danza “To Pray” del gruppo di urban dance indipendente Inn Progress Collective. Si prosegue il 14 ottobre con una masterclass di Afshin Varjavandi, coreografo, direttore artistico e danzatore di molti generi musicali come hip hop, house, videodance, experimental, voguing e waaking . Il 19 ottobre, il Palais Ennejma Ezzahara ospiterà il concerto “Amori sospesi” del Trio Mirabassi, nell’ambito del Festival Trio e della XVIII edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo. Lo stesso giorno presso Les Ateliers Coteaux si potrà incontrare l’artista Roberto Ghezzi che illustrerà la sua installazione dal titolo “Naturografie”, presente dal 13 al 16 ottobre al Museo Oceanografico di Salambo. E ancora: dal 17 al 20 ottobre atelier sui fumetti, aperto anche ai bambini, con l’editore e sceneggiatore Alessandro Mencarelli. Per gli appassionati di cinema, venerdì 19 al Cinémadart sarà possibile guardare “Mon amour mon ami” del regista Adriano Valerio; sabato 20 nello stesso luogo sarà proiettato invece il docu-reportage “The risks of web democracy”, visione che sarà seguita da un incontro con i suoi realizzatori, Giuseppe Francaviglia e Giorgio Viscardini.
Open Art Week è ideato e organizzato dall’associazione Rea con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nel quadro del Programma culturale “Italia, Culture Mediterraneo”, con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura a Tunisi, nonché dell’Ambasciata Tunisina a Roma. Hanno collaborato inoltre l’associazione L’Art Vivant e La Maison de L’Image. La direzione artistica è di Gaia Toschi, Presidente dell’associazione REA, e Moez Mrabet, attore, direttore artistico del Laboratorio di Teatro Tunisino e coordinatore presso l’Istituto Superiore di Arte Drammatica di Tunisi.