L’ambasciatore cinese visita la sede dell’Inter

138
In foto Li Junhua, a sinistra, con Steven Zhang

Il calcio rappresenta sempre di più un business e per questo motivo uno strumento di economia sportiva che attira e interessa una internazionalizzazione sempre più spinta, come dimostrano gli interessamenti alle presidenze delle società , ad alcuni giocatori di rilievo o allo stesso pacchetto azionario che riguarda il club. In tale ambito sono emersi nuovi dettagli della visita che nei giorni scorsi l’ambasciatore cinese in Italia, Li Junhua, ha effettuato nella sede dell’Inter, dove ha incontrato il presidente nerazzurro Steven Zhang dal quale ha ricevuto una maglia speciale in ricordo del cinquantesimo anniversario dell’inaugurazione delle relazioni diplomatiche tra Italia e Cina. Li Junhua ha affermato che i politici italiani hanno ripetutamente citato e lodato i successi di Suning nella gestione dell’Inter, auspicando, attraverso un’ulteriore comunicazione con Suning, di autare il governo italiano a comprendere le imprese cinesi e promuovere la cooperazione tra Cina e Italia. Allo stesso tempo, Zhang ha presentato l’importante lavoro e i risultati di Suning da quando è entrato a far parte dell’Inter e ha spiegato all’ambasciatore l’importanza del calcio nella vita degli europei, esprimendo la speranza che Suning utilizzi il calcio e lo sport come piattaforme per promuovere scambi approfonditi tra Cina e Italia nello sport, nella cultura, nell’economia e nel commercio. Rimarcato anche il grande lavoro di Suning nella ricerca di nuovi partner per l’Inter: nella sola stagione 2018-2019, si sono uniti al progetto nerazzurro ben 16 nuovi sponsor, molti dei quali sono marchi e imprese cinesi. Allo stesso tempo, Suning ha anche sfruttato l’influenza internazionale dell’Inter per aprirsi ulteriormente uno spazio nei mercati esteri, in modo tale che le aziende italiane ed europee abbiano una conoscenza più profonda di Suning. In questo processo, Suning ha instaurato rapporti di collaborazione con molti marchi noti in Italia e nell’intero mercato europeo e molti prodotti e servizi europei di alta qualità sono entrati nel mercato cinese attraverso le piattaforme online e offline di Suning per soddisfare la domanda da parte dei consumatori. Non ci sono dubbi quindi che dietro grosse società, ma ormai ben visibile, ci siano grossi Paesi industrializzati e prima la Cina. I mezzi ci sono e i successi possono essere anche addotti da una più larga tranquillità economica di cui si può godere, senza relegare lo stress alle alternative articolate che molte Presidenze attuano per le compravendite dei giocatori.