L’ambasciatore degli Usa visita l’Istituto Meridionale dei Trapianti

28
In foto l'ambasciatore Lewis Eisenberg durante la visita

Il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti d’America, Lewis Eisenberg, accompagnato dal console generale degli Usa a Napoli, Mary Ellen Countryman, e da una delegazione del consolato di Napoli, ha visitato in questi giorni l’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione (Ismett Irccs). Nel corso della visita, gli ospiti sono stati accompagnati dal direttore dell’azienda, Angelo Luca e dai vertici di Upmc (University of Pittsburgh Medical Center), partner americano dell’Istituto, Laura Raimondo, ad italiana, e Bruno Gridelli, executive vicepresident di Upmc International. Al termine della visita, l’ambasciatore Eisenberg ha commentato: “E’ stato un grande piacere visitare oggi Ismett e il suo reparto di Pediatria, e vedere in prima persona l’eccellenza di una struttura che, grazie ai trapianti effettuati e alle procedure chirurgiche di alta specializzazione, si è dimostrata in grado di salvare migliaia di vite umane. Ismett è un ottimo esempio della proficua collaborazione tra Stati Uniti e Sicilia, e mi auguro che tutti i partner coinvolti possano continuare a sostenere l’eccellente lavoro svolto e gli importanti risultati ottenuti da questo team.”  Il direttore dell’Ismett, Angelo Luca si è detto molto soddisfatto della visita dell’ambasciatore Eisenberg e ha sottolineato “l’importanza di Ismett in Sicilia e della ormai consolidata gestione di Upmc e la duratura collaborazione con gli Stati Uniti tesa al continuo miglioramento degli standard di cura e a facilitare l’accesso alle cure ai pazienti siciliani e a quelli provenienti da altre regioni del Mediterraneo”. Poco dopo il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti è stato ricevuto dal presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. “Durante l’incontro – si legge in una nota – sono stati sottolineati il forte legame storico tra la Sicilia e gli Stati Uniti e la necessità di rafforzare i rapporti imprenditoriali e commerciali. L’ambasciatore, in carica da nove mesi, in visita a Palermo per la celebrazione, il 4 luglio, dell’anniversario dell’Indipendenza americana, alla fine dell’incontro ha visitato il Palazzo Reale e ammirato la Cappella Palatina.