L’ambasciatore Vattani al talk “L’aria che tira”

131
In foto Umberto Vattani

Tra gli ospiti dell’edizione del 23 maggio de L’Aria che Tira, talk show di La7 condotto da Myrta Merlino, è stato ospite Umberto Vattani, diplomatico italiano. L’ambasciatore ha rivestito per due volte la carica di Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri ed è stato anche Rappresentante permanente d’Italia presso l’Unione europea, quindi ha ben chiaro il quadro geopolitico sul conflitto Russia-Ucraina: “Ci saranno avanzamenti e possibili correzioni delle posizioni, ma non è quello che succede sul campo che porta ad una soluzione e nemmeno l’intesa tra i due belligeranti, perché la chiave del negoziato non sta né a Mosca né a Kiev. Lasciati soli questi due non troveranno mai un accordo. Per questo motivo il piano di pace italiano è molto importante, è un fatto politico di livello, è stato studiato molto attentamente e contiene due elementi fondamentali spiegati dal ministro Luigi Di Maio. Introduce una sequenza temporale che aiuta ad arrivare ad un’intesa. Nello stesso tempo – evidenza Vattani – introduce degli incentivi che dovrebbero funzionare per entrambe le parti, sia per Volodymyr Zelensky che Vladimir Putin. L’Ucraina potrebbe perdere qualcosa non entrando nella Nato e mantenendo la neutralità territoriale, ma guadagna qualcosa con l’ingresso in Unione europea”.