Laser per la cura del cheratocono all’occhio. L’innovazione del Centro San Paolo Vision Care

184
in foto primario di Oculistica alla Clinica “Villa Stabia” di Castellammare di Stabia

Un decorso post operatorio rapido, la possibilità di intervenire laddove le tecniche tradizionali sono state inefficaci o inapplicabili e soprattutto un notevole miglioramento della qualità visiva: sono questi i vantaggi ottenuti con  l’utilizzo  di laser oftalmici ad altissima ed innovativa tecnologia, per la cura del cheratocono, una patologia dell’occhio che provoca la deformazione della cornea che si assottiglia e si incurva negli anni sempre di più verso l’esterno, portando ad una significativa riduzione della vista. Una tecnica, dicevamo messa a punto in tempi relativamente recenti dal dottor Miguel Rechichi, Dirigente Centro Polispecialistico “Mediterraneo” di Cosenza che collabora attivamente con il Centro San Paolo Vision Care di Viale Kennedy a Napoli utilizzando in combinazione il Laser ad Eccimeri AMARIS Schwind con il Laser Avedro per Cross Linking: “L’obiettivo di questa tecnica”, spiega Rechichi, “è stato quello di sviluppare una chirurgia poco invasiva che consente di rinforzare e regolarizzare il tessuto corneale, riuscendo, nella maggior parte dei casi, ad evitare il trapianto. Inoltre”, continua, “poiché è una tecnica altamente customizzata, spesso può essere utilizzata sia in prima battuta sia con cornee che sono già state operate e stabilizzate ma che sono ancora molto irregolari e non consentono al paziente di avere un’adeguata visione”.

in foto Miguel Rechichi, dirigente del Centro Polispecialistico “Mediterraneo” di Cosenza

A determinare l’insorgere della malattia, fattori ereditari genetici e locali, come allergie o lo strofinamento di occhi già predisposti. Il cheratocono insorge soprattutto in età adolescenziale e l’astigmatismo ne è spesso un sintomo, mentre nelle fasi più avanzate si verifica solitamente un calo della vista non correggibile con gli occhiali. Grazie a questa nuova tecnica è possibile intervenire con successo. Cosa si deve aspettare il paziente che si sottopone all’operazione, lo spiega il dottor Luigi Conti. Primario Oculistica Clinica “Villa Stabia” di Castellammare di Stabia: “Il paziente che si sottopone a questo tipo di intervento deve aspettarsi un miglioramento della qualità visiva sicuramente e che qualsiasi correzione ottica messa in atto dopo, ossia ad esempio una lente a contatto o a tempiale o anche intraoculare, gli garantisca una qualità visiva superiore a quella precedente all’intervento”.