L’Atex al console Usa di Napoli: Covid, sul rischio-Italia vi sbagliate, così uccidete il nostro turismo

69
In foto Mary Avery sulla terrazza del Consolato Usa di Napoli

La decisione da parte delle autorità americane di includere l’Italia nella lista dei Paesi a rischio dal punto di vista sanitario è stata accolta con sorpresa e preoccupazione dagli addetti del turismo del nostro Paese. Gli operatori turistici della Penisola Sorrentina e di Capri hanno scritto una lettera di protesta al Console degli Stati Uniti a Napoli Mary Avery. Il documento porta la firma di Sergio Fedele, presidente Atex Campania; Mario Colonna, delegato al Turismo Macroarea Aicast Penisola Sorrentina; Franco Cappiello presidente Aicast Macroarea Penisola Sorrentina; Giovanni Rosina, Associazione Charter Campania; Graziano D’Esposito, presidente Atex Isola di Capri, Fabio Colucci, presidente Club dei 500 e Marcello Aversa, presidente Peninsulart. ​”Ci rivolgiamo a lei – si legge nella lettera – a nome degli operatori della Penisola Sorrentina e dell’isola di Capri che rappresentiamo, per esprimerLe la nostra perplessità ed amarezza a seguito della decisione del Centers for Disease and Prevention degli Stati Uniti di inserire l’Italia nella lista di Paesi sconsigliati per i viaggi assieme a Germania, Francia, Portogallo e Polonia.Eppure come dimostrano gli attuali dati sanitari, il nostro paese è di gran lunga il Paese messo meglio in Europa. Finire in questa lista nera è veramente paradossale. Le conseguenze per il nostro territorio saranno drammatiche. Per quanto sopra Le chiediamo di sensibilizzare l’amministrazione americana onde ripensare tale provvedimento. Con l’occasione Le auguriamo Buon Natale e Le chiediamo un incontro subito dopo le feste Natalizie per discutere con Lei su come mettere in campo strategie mirate affinché i turisti americani possano conoscere e apprezzare sempre più le nostre località turistiche”.