Lavoro: a Milano All around work ‘parla’ di evoluzione degli ambienti

69

Milano, 19 feb. (Labitalia) – Al via il countdown di All Around Work, la prima edizione dell’appuntamento biennale destinato a diventare il punto di riferimento del settore tra progettazione, creatività e innovazione che aprirà le porte al pubblico dal 28 al 30 maggio 2020 a Milano, presso lo spazio Megawatt Court, nel distretto Around Richard. All Around Work nasce con l’obiettivo di conoscere da vicino l’evoluzione del mercato e rispondere alle esigenze di progettazione di nuovi modelli organizzativi per l’ufficio e il lavoro, individuale o condiviso, che favoriscano produttività, collaborazione, creatività e benessere.

Un evento tanto atteso dal mercato che ha già al suo attivo oltre 50 realtà accreditate tra aziende del settore, general contractor, studi di progettazione e architettura. Un evento che non parla solo di business ma che offre contenuti e spunti culturali per aggiornarsi, condividere, confrontarsi sul tema dell’evoluzione degli ambienti lavorativi. Sono circa 10 gli incontri già in calendario, accreditati presso l’Ordine degli architetti di Milano, che vedranno esperi del settore e opinion leader presentare le migliori esperienze e prassi del settore.

Molti i temi che saranno proposti: nuovi layout e modelli di business anche in risposta all’ibridazione dei luoghi di vita con gli spazi di lavoro, i criteri ambientali minimi e le novità in materia di gare pubbliche, gli investimenti nel settore immobiliare e i nuovi servizi del proptech, i cambiamenti dei comportamenti e dei processi delle organizzazioni alla prova della rivoluzione digitale e dell’evoluzione delle biotecnologie, l’evoluzione delle tecnologie e dei servizi per la condivisione delle informazioni, quali i nuovi parametri fisici per definire e ottimizzare il confort indoor, lo scenario internazionale dei migliori spazi e dei servizi integrati, per lavorare e creare. Uno degli appuntamenti vedrà ospiti alcuni degli studi più noti della progettazione, del Real Estate e dei servizi, per ascoltare un punto di vista, tutto al femminile, sulle evoluzioni del settore.

Giampiero Calzolari, presidente di Bologna Fiere, ha commentato: “Siamo molto soddisfatti del riscontro che il mercato ci ha dato a soli tre mesi dalla data della manifestazione. Questa prima edizione è stata costruita con l’obiettivo di colmare un vuoto di mercato a cui il mercato stesso ha risposto con successo. A tre mesi dalla data dell’evento, abbiamo già oltre l’80% degli spazi prenotati. L’edizione ‘zero’ si preannuncia, quindi, con ottimi presupposti anche per una sua contestualizzazione fra i futuri must della scena milanese e di riferimento nazionale. Sono presupposti che ci consentono di guardare con ottimismo alle prossime edizioni”.

“Events Factory Italy ha già cominciato a lavorare all’ampliamento del format e alla strutturazione dei follow-up che ci consentiranno di integrare gli appuntamenti dei prossimi anni. L’obiettivo di questa edizione è consolidarsi come brand capace di rappresentare un momento e un luogo di incontro per tutti gli operatori del settore; naturalmente punteremo ad aumentare il bacino di riferimento e la dimensione internazionale dell’evento”, ha aggiunto.

All Around Work è un format ideato dagli architetti Alfonso Femia e Marco Predari e organizzato da Events Factory, divisione del Gruppo BolognaFiere con il patrocinio Adi-Associazione per il design industriale, Iacc-Italian American Chamber of Commerce Chicago Midwest e Associazione Around Richard.

Caratterizzato da un allestimento fluido e dinamico, il percorso espositivo si svilupperà su 3.000 mq di superficie su cui troveranno spazio studi di architettura e ingegneria, general contractor, produttori di arredamento per uffici e high tech che coinvolgeranno addetti ai lavori e pubblico nel processo conoscitivo di un mercato in continua trasformazione, per offrire possibilità concrete di business e creare contatti personalizzati in base alle specifiche esigenze.

A interpretare le esigenze del mondo del lavoro, sarà l’installazione iconica Inclusive world @work realizzata dallo studio d’architettura milanese Principioattivo Architecture Group. Cuore dell’allestimento di Aaw, Inclusive world sarà – cosi come l’ufficio stesso – un luogo dove lo spazio non è più fisico e definito nei confini e nelle funzioni. Dall’incontro di colori, materiali, forme e luci con le tecnologie più avanzate a garanzia del benessere dell’ospite, l’installazione diventerà esperienza, luogo osmotico con chi lo vive e le sue necessità, dove dialogare con lo spazio esterno mantenendo la propria privacy.

Con Aaw prenderà il via anche la prima edizione del concorso di Industrial design patrocinato da Adi-Associazione per il disegno industriale e rivolto ai giovani progettisti under 35. Ai concorrenti verrà chiesto di realizzare un progetto che migliori la qualità di chi lavora nei vari ambiti: ufficio, co-working, centri commerciali, spazi pubblici, alberghi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here