Lavoro, Coldiretti: 25 mila nuovi posti nei campi

27

Nei campi sono nati 25mila nuovi posti di lavoro nell’ultimo anno, facendo salire il numero dei lavoratori dipendenti in agricoltura a quota 1,06 milioni di addetti. E’ quanto emerge da un’analisi Coldiretti su dati dell’Osservatorio Inps sul mondo agricolo nel 2017, dai quali emerge anche che l’incremento è stato del 2,4%. Quasi un terzo dei lavoratori dipendenti e’ rappresentata – sottolinea Coldiretti – da giovani sotto i 35 anni per un totale di 343mila. Un dato che conferma – nota Coldiretti – la rinnovata attrattivita’ della campagna per i giovani con l’agricoltura diventata un settore capace di offrire e creare opportunita’ occupazionali e di crescita professionale, sia per chi vuole investire alla guida delle imprese sia per chi vuole trovare una opportunita’ di lavoro. Non a caso ben otto italiani su dieci (82,1%) sarebbero contenti se il proprio figlio lavorasse in agricoltura con la percentuale che sale addirittura all’86,2% se si considerano i soli genitori laureati, secondo un’analisi Coldiretti/Censis. Un profondo mutamento culturale che si e’ tradotto – sottolinea Coldiretti – anche nelle scelte relative al percorso scolastico. Negli ultimi sette anni, gli studenti italiani hanno preso d’assalto la facolta’ di Agraria che fa registrare un aumento del 14,5% delle iscrizioni, in netta controtendenza nello stesso periodo al calo generale del 6,8% degli universitari che sono scesi costantemente negli anni fino ad arrivare ad appena 1,67 milioni nel 2017/18, secondo un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati dell’Anvur, l’Istituto nazionale deputato alla valutazione della ricerca scientifica e dell’universita’ italiana.