Lavoro, flash mob della Cgil con minicantiere a Via Toledo: Stop all’impunità

52

Un miniponteggio in via Toledo con tutti gli attrezzi del mestiere: caschetti, tute da lavoro, scarpe antinfortunistiche, cazzuole e pale. Un vero e proprio cantiere in miniatura, con relativo flashmob, all’altezza della stazione della metro per ricordare le tante morti nel cantieri. E’ l’iniziativa promossa oggi a Napoli da Cgil Campania e Fillea regionale alla vigilia della Giornata mondiale per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro. “Bisogna contrastare questo senso di impunità – afferma il segretario generale della Fillea Cgil Campania, Giovanni Sannino – chiedendo di inserire nel codice di procedura penale il reato di omicidio sul lavoro, di fronte alle palesi violazioni da parte delle imprese delle piu’ elementari norme antinfortunistiche che sono alla base degli infortuni e delle morti, incentivate da una inadeguatezza dei controlli e da una deresponsabilizzazione delle stazioni appaltanti”. “Proviamo a spezzare la lunga catena delle morti sul lavoro – aggiunge Ileana Remini, della segreteria regionale Cgil Campania – facendo proposte concrete e chiedendo a tutte le istituzioni un impegno fattivo, ma soprattutto alle aziende di fare la propria parte. Rafforzare gli organici di tutti gli uffici ispettivi, far funzionare concretamente il comitato ex articolo 7 su salute e sicurezza, fermare il dumping contrattuale, dare valore alla prevenzione rispettando il ruolo degli rls, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza”.