Lavoro: Hunters Group, crescono le opportunità in ambito fintech

10

Roma, 24 lug. (Labitalia) – Sviluppatori, programmatori, team leader o project manager. Sono queste, secondo una recente indagine di Hunters Group (società di head-hunting leader nella ricerca e selezione di personale specializzato), le figure che avranno maggiori opportunità grazie allo sviluppo del settore Fintech. “In questo ambito – dichiara Stefano Ferrinda, Executive Manager della divisione specializzata nella ricerca di profili in ambito Ict di Hunters, brand di Hunters Group – stanno nascendo numerosissime realtà, in Italia e all’estero. E questo naturalmente si traduce in un aumento di richieste di profili specializzati che siano in grado di sfruttare, a vari livelli, le tecnologie per digitalizzare i prodotti e i servizi finanziari tradizionali”.

“Pensiamo, ad esempio, a tutte gli istituti bancari che consentono ai propri clienti di consultare il proprio conto corrente o di fare un bonifico online o tramite un’applicazione dedicata e sicura. Si tratta di professionisti altamente specializzati che abbiano spiccate competenze, sia in ambito finance sia in ambito It, e che possono ambire a retribuzioni e opportunità di crescita molto interessanti”, chiarisce. Per quanto riguarda sviluppatori/programmatori, data la particolarità di programmazione e di prodotto, questi professionisti si inseriscono in un mercato diverso da quello standard e possono quindi puntare a inquadramenti più alti rispetto ai loro colleghi, con retribuzioni che possono partire da 40.000 euro l’anno.

Anche nel caso di team leader e project manager parliamo di figure che abbiano una reale competenza finance, data la complessità del mercato in cui si muovono. Le retribuzioni sono più alte rispetto allo standard di mercato: dai 50.000 euro per il team leader e dai 60.000 euro per il project manager. I responsabili dei progetti sono figure ibride tra It, Digital e Finance, con un’esperienza paragonabile a quella di un Cto o un Cdo e con retribuzioni che solitamente partono da 75.000 euro. “Il mercato Fintech – conclude Stefano Ferrinda – è in costante fermento ed evoluzione. Sicuramente, nei prossimi anni, nasceranno nuove figure professionali e probabilmente anche nuovi percorsi di laurea o master strettamente legati a questo settore. La specializzazione sarà la chiave vincente, soprattutto in un contesto come questo che, più di ogni altro, richiede competenze molto specifiche e formazione ed aggiornamento continui”.