Lavoro: Tecno, oltre 120 figure professionali da selezionare per prossimo biennio

43

Milano, 27 apr. (Labitalia) – Oltre 120 figure professionali da selezionare per il prossimo biennio. E’ ‘Talents’ il piano di assunzioni lanciato da Tecno per supportare il suo piano di crescita. “La ricerca di 120 figure -sottolinea Giovanni Lombardi, fondatore e presidente Tecno- su un arco temporale di 24 mesi potrebbe sembrare ardita per un’azienda partita nel 1999 con 3 dipendenti, ma bisogna tener conto che i nostri prodotti sono altamente scalabili e i mercati esteri crescono rapidamente; inoltre le soluzioni tecnologiche del nostro Paese hanno successo all’estero e spesso non sono seconde a nessuno”. “Il vero fattore -spiega- da non sottovalutare è la rivoluzione digitale, che ha destrutturato tutti i settori, compreso quello dell’energia, e creato enormi opportunità di business. Questa rivoluzione ha permesso di innovare il nostro ambito di consulenza, integrando le precedenti competenze tecnico-ingegneristiche con quelle digitali”.

“Da qui -sottolinea- la nostra richiesta di 30 informatici-programmatori, oltre a specialisti social media manager sia italiani che esteri: come già capitato in molti ambiti produttivi, la domanda si è spostata dall’hardware a soluzioni software. La sfida ci impone di avere una squadra di professionisti nei principali paesi strategici, soprattutto country manager che sviluppino progetti diversi a secondo del tessuto economico e socioculturale incontrato”. In breve, dice, “la rivoluzione digitale 4.0 è solo all’inizio, e tutti noi ne siamo già coinvolti; la formazione sull’innovazione da sporadica avrà un ruolo sempre più importante per il successo di un’azienda”. “Mensilmente in azienda sono previste almeno 12 ore di formazione su tecnologie o casi aziendali specifici; inoltre questa formazione viene accompagnata da periodici incontri sul campo, almeno 4 al mese, presso le aziende clienti e partner”, aggiunge.

E nello studio realizzato da Deloitte dedicato alle prospettive globali per le aziende del Mid Market, l’unica azienda italiana è la Tecno dove il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale sono in chiave Industry 4.0. “Aiutiamo l’imprenditore -chiarisce Lombardi- a essere concentrato sul suo business. Il nostro compito come ‘control energy manager’ è quello di analizzare, ottimizzare e annullare le criticità in campo energetico”. Si tratta del primo report effettuato da Deloitte su scala globale e interamente dedicato a piani, priorità e aspettative di circa 1.900 leader di aziende di medie dimensioni in 30 paesi. Tecno è anche in Elite, il programma internazionale nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita ed è un’azienda fortemente impegnata nel mecenatismo.

Tecno, infatti, sostiene anche Rivelazioni – Finance for Fine Arts: il progetto promosso da Borsa Italiana, e realizzato nelle prime due edizioni alla Pinacoteca di Brera di Milano e alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, finalizzato al reperimento di risorse per il restauro e la digitalizzazione di opere d’arte provenienti dai più importanti musei italiani.

A descrivere come opera l’aziende è Deloitte nel suo report: “Affiancare le aziende nell’analisi dei costi energetici, nella definizione degli strumenti per il monitoraggio dei consumi, grazie a un bouquet di prodotti, hardware e software brevettati, che permettono di far emergere gli interventi di efficientamento energetico da realizzare per essere più competitivi: è questa la mission di Tecno, gruppo industriale che ha lanciato in Italia il servizio di control energy management e che conta oltre 2.500 aziende clienti in tutti i settori industriali”.

“Con il nostro team di control energy manager -dichiara Lombardi- accompagniamo i clienti nelle diverse fasi, da quella preliminare,quando gli esperti valutano e quantificano il risparmio ottenibile, a quelle successive, quando si procede all’elaborazione della strategia o dell’intervento tecnologico da adottare”.