Lawe, è di una start-up napoletana la prima community per avvocati

482

Da un’idea dell’avvocato Adriano Micciarelli nasce “Lawe”, una start-up innovativa che ha realizzato una piattaforma digitale dedicata alla creazione di una community a livello nazionale nell’ambito forense. Il network, è rivolto esclusivamente ad avvocati e praticanti. Di fatto al momento dell’iscrizione sul portale, un sistema di verifica dell’utente, controllerà l’effettiva iscrizione, ed un controllo dati, all’albo di appartenenza. Tale passaggio è fondamentale per permettere agli avvocati e praticanti iscritti di lavorare in un ambiente sicuro e poter avere certezza con chi ci si interfaccia. “Lawe” permette di trovare offerte di lavoro, sostituiti d’udienza, domiciliatari per un intero giudizio, stage e master.
La piattaforma prevede inoltre una chat integrata per permettere agli utenti di comunicare tra loro e scambiare file e documenti di lavoro direttamente sulla piattaforma. In più al momento della registrazione sul portale, gli utenti potranno scegliere le materie di specializzazione, sia in ambito civile che penale, in modo da permettere agli avvocati di trovare professionisti esperti in un determinato settore e quindi più adatti alle proprie esigenze.
La mission di “Lawe” è incentrata sui “sostituti d’udienza” e “domiciliazioni”. Capita infatti sempre più spesso nell’ambito forense di dover trattare, nella stessa giornata, più cause in fori diversi. Con il supporto di un’agenda realizzata ad hoc, con “Lawe” è estremamente facile per ogni avvocato gestire la propria attività lavorativa e le proprie disponibilità grazie all’opportunità di poter creare, dietro un corrispettivo da concordarsi tra le parti, un rapporto di collaborazione.
Sul network “Lawe” è implementato inoltre un sistema di feedback incentrato su alcune voci quali “comunicazione”, “competenza”, “disponibilità” e “successo”, che dà la possibilità di valutare le capacità di avvocati e praticanti avvocati. Con tale aspetto si vuole dare ampio risalto anche al settore dei giovani praticanti: gli stessi potranno iniziare nuovi rapporti di collaborazione con studi legali o con singoli avvocati, e con tale sistema di feedback, valorizzare il proprio operato e indirettamente, ricevendo valutazioni positive da altri avvocati, aumentare la possibilità di ricevere ulteriori incarichi o trovare lavoro. “Lawe” nel prossimo futuro approderà su Apple Store e Google Store per ampliare l’esperienza degli utenti anche su mobile.