Le celebrazioni della città di Kagoshima

34
In foto Hiroshi Oe

Risulta noto, soprattutto in ambiente diplomatico, che in Giappone c’è una città molto simile a Napoli che oltretutto non è il “pezzotto” del nostro amorevole luogo partenopeo. È la città di Kagoshima, sull’isola di Kyūshū; essa  ha tantissime cose in comune con Napoli: un clima mite, uno splendido golfo e la vista su un maestoso vulcano, nel caso di Napoli il Vesuvio, per la controparte del Sol Levante, il vulcano Sakurajima, la cui ultima eruzione è di pochi giorni fa, il 28 gennaio 2022.
Dopo le prime documentazioni riportate in Europa da diplomatici e turisti, fu stretto ufficialmente un gemellaggio tra le due città il 3 maggio 1960, con una doppia cerimonia, una “in casa”, una “in trasferta”. Essa di ripete ogni anno proprio di questi tempi con il concorso dell’Ambasciata del Giappone in Italia e dell’Ambasciatore Hiroshi OE.
Per siglare questa amicizia, le due città quindi si sono omaggiate in diversi modi: a Kagoshima c’è una linea di tram comunali dedicata alla città partenopea, oltre a una strada, Napori dōri.
A Napoli invece c’è una via Kagoshima nel quartiere Vomero ed anche un largo ad essa intitolato al Centro Direzionale.
Ogni anno le amministrazioni comunali rinsaldano il legame finanziando eventi e scambi culturali: arigato uagliò!