Le due ali del “Lover” italiano

72

Il ‘Lover’ (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, così è stato battezzato il Nordest italiano allargato alla Lombardia) è un edificio la cui ala PIL è dotata di un grande appartamento abitato dall’Economia. I proprietari cercano tutte le opportunità per appropriarsi di nuovi spazi. Il PIL di ‘Lover’ cresce trainato dalle esportazioni. Se la sia spinta si esaurisse, il Pil dell’intero paese arretrerebbe. Il Progresso Sociale è l’altra ala, che è in sofferenza. Seppur il Progresso Sociale aumenta con il crescere del PIL pro-capite, le regioni in cui quest’ultimo è più alto non sono al vertice dell’indice SPI (Social Progress Index), elaborato per 272 regioni europee dalla Social Progress Initiative, un’organizzazione non profit. Lo SPI integra le misure basate sul PIL, reddito e occupazione con un’ampia gamma di indicatori provenienti principalmente dall’ufficio statistico dell’Unione Europea. Dai bisogni umani fondamentali alle opportunità, vi rientrano l’accesso al cibo e l’alloggio, la salute e l’istruzione, le libertà vitali di scelta e la discriminazione. Nella graduatoria generale il Nordest non brilla, soprattutto se messo a confronto con il Tirolo austriaco, la Baviera e la regione di Stoccarda, tre partner e rivali, nello stesso tempo, nella gara della competitività.

piero.formica@gmail.com