Le influenze della musica sul divenire dell’uomo. Gli effetti neurobiologici della musica come terapia nelle malattie neurodegenerative

36

“La musicoterapia utilizza la possibilità di lavorare direttamente sul livello emotivo relazionale del paziente con un impatto diretto sulle funzioni cognitive superiori del cervello (memoria, linguaggio, orientamento). E’ particolarmente indicata per pazienti che hanno malattie neurodegenerative ma possono trarne benefici anche persone che hanno subito un trauma emotivo oppure coloro che hanno un notevole carico di stress psicologico dovuto agli impegni quotidiani a cui siamo continuamente esposti”. Lo ha detto Vincenzo Bonavita, professore emerito di Neurologia all’Università di Napoli, presentando il convegno “Le influenze della musica sul divenire dell’uomo. Gli effetti neurobiologici della musica come terapia nelle malattie neurodegenerative”, che si terrà il 28 novembre 2015 dalle ore 9.30 presso l’Antisala dei Baroni – Maschio Angioino.