Lega, aderiscono i sindaci di Positano e Sorrento

197
In foto Michele De Lucia, sindaco di Positano

“Il progetto della Lega è quello più attento al Sud”. Non ha dubbi Michele De Lucia, sindaco di Positano, Comune in provincia di Salerno e perla turistica della Campania, a conferma alla Dire la sua adesione alla Lega. L’ufficialità arriverà giovedì mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui sarà presente anche Matteo Salvini. “Ci sarà sicuramente – dice -, a meno che, come ci auguriamo, il Governo non cada mercoledì”. “Con Salvini – sottolinea De Lucia – facciamo valere un altro Sud e un’altra Italia, l’Italia che lavora, il mio percorso con la Lega è iniziato da tempo perché mettiamo in pratica quello che dice Salvini: prima gli italiani per noi vuol dire anche che in un Paese a così alta attrazione di turismo internazionale noi riserviamo dei lidi esclusivamente ai positanesi”. D’altronde alle ultime europee la Lega si è attestata al 29,6%, primo partito a Positano. Giovedì Salvini sarà alle 11 nel circolo dei forestieri di Sorrento (Napoli) per investire ufficialmente il sindaco di Positano ma anche quello di Sorrento Giuseppe Cuomo, anche lui convinto della valenza degli slogan leghisti. “Se mi sento sovranista? Io penso che vengano prima gli italiani”, è la frase che accomuna i due primi cittadini. “Le dichiarazioni sui migranti? Sono state strumentalizzate dalla stampa – spiega Cuomo alla Dire -, i migranti che rispettano la nostra cultura e le nostre leggi sono ben accetti. Qui non abbiamo problemi, certo c’è resistenza nei confronti dei rom. Le aziende, qui come altrove, inseriscono anche gli immigrati ma solo quelli che hanno voglia di lavorare”. Della Lega dice di apprezzare “l’organizzazione e i valori, che sento miei. Salvini – aggiunge – è attento al Sud, prima era la Lega del Nord, ora ha una copertura nazionale e a me, uomo da sempre di centrodestra, e’ sembrato naturale aderire a un partito che da’ spazio alle persone che meritano”.

In foto Giuseppe Cuomo, sindaco di Sorrento