Legambiente, via al congresso a Pietrarsa con il ministro Costa

59
In foto Sergio Costa, ministro dell'Ambiente

Oltre 60 ospiti tra cui il ministro dell’ambiente Sergio Costa, il sindaco Luigi De Magistris, il presidente di Libera don Luigi Ciotti, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, Cristina Fossi dell’Università di Siena, luminare mondiale dell’impatto del marine litter sui mammiferi marini, il direttore di Ispra Alessandro Bratti, la presidente del Kyoto Club Catia Bastioli. E ancora Marco Omizzolo, premiato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la sua coraggiosa opera in difesa della legalità attraverso il contrasto al fenomeno del caporalato e diversi rappresentanti del mondo dell’associazionismo e del terzo settore come Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo Settore, Vincenzo Piccolo, presidente di Agesci, Donatella Bianchi, presidente del WWF, Pippo Onufrio, direttore di Greenpeace, la 24 enne Federica Gasbarro, soprannominata la Greta italiana, scelta dall’Onu come unica rappresentante dell’Italia per lo Youth Summit di New York di settembre, Valentina Fiore, ad del Consorzio libera Terra Mediterraneo. 833 delegati provenienti da tutta Italia, oltre 60 ospiti esterni e rappresentanti del mondo istituzionale, politico, della ricerca e dell’impresa, del terzo settore e della società civile, una location unica che unisce storia, ambiente, rigenerazione urbana con la bellezza di NAPOLI, città dalle mille sfumature e contraddizioni. A “muovere” tutto ciò è l’11mo congresso nazionale di Legambiente, dal titolo “Il tempo del coraggio”, in programma da oggi a domenica a NAPOLI, presso il museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, circondati dalle locomotive storiche delle Ferrovie dello Stato Italiane. Dal contrasto ai cambiamenti climatici alla lotta ecomafie e alle disuguaglianze, dalla grande mobilitazione e partecipazione dei giovani sempre più sensibili e attenti ai temi ambientali, all’economia civile e circolare. Tre giorni congressuali segnati da dibattiti, incontri, plenarie e gruppi di lavoro. Nella tre giorni congressuale, si potrà visitare anche la mostra L’Italia del coraggio e si potrà assistere anche alla realizzazione dell’opera che l’artista internazionale Lady Be farà in tempo reale utilizzando rifiuti di plastica raccolti dai volontari di Legambiente lungo le spiagge italiane.