Leonardo, Uilm: L’azienda dia risposte sugli investimenti

42
In foto Antonio Accurso

“I vertici di Leonardo devono spiegare quali investimenti e progetti metteranno in campo per salvaguardare e rilanciare le competenze di Pomigliano e Nola. Se non dovessimo avere risposte non esiteremo neanche un secondo a mettere in campo iniziative, senza escludere di cercarle altrove, ovvero rivolgendosi al Governo che e’ l’azionista di controllo della societa’”. E’ quanto hanno sostenuto Rocco Palombella e Antonio Accurso rispettivamente segretario generale nazionale Uilm e segretario generale regionale Uilm, nel corso del coordinamento delle RSU della Uilm della Campania di Leonardo Aerostrutture e Velivoli degli stabilimenti di Pomigliano e Nola alla presenza anche di Guglielmo Gambardella, responsabile nazionale della Uilm di settore. Il coordinamento serviva per fare il punto sia sulla situazione industriale e di prospettiva degli stabilimenti campani in particolare ma anche piu’ in generale sulle strategie del gruppo per l’aeronautica. Due le criticita’ sul tavolo dell’incontro che si e’ tenuto oggi nella sede napoletana della Uilm Campania: l’approccio aziendale alle relazioni industriali in cui lo scambio di informazioni deve essere piu’ di sostanza che di forma e fornire risposte sul futuro dei siti industriali del gruppo spiegando quali alleanze industriali e commerciali si vogliano mettere in campo, quali siano le acquisizioni per la crescita dimensionale e l’entita’ degli investimenti su quali tecnologie, prodotti e progetti. “Queste risposte – hanno aggiunto Palombella e Accurso – non possono attendere, molte sono le domande legate al futuro di attivita’ che sembrano non avere piu’ padri. L’azienda deve spiegare quali investimenti e progetti mette in campo per salvaguardare e rilanciare le competenze di Pomigliano e Nola. E’ necessario un confronto a tutto tondo sulle scelte aziendali per esprimere valutazioni e proporre il nostro punto di vista, le nostre soluzioni e quelle dei lavoratori che rappresentiamo”.