Liber@arte, fronte comune degli editori per riportare il Salone del Libro a Napoli

63


Rilanciare l’editoria napoletana e l’amore dei giovani per la lettura riportando un salone del libro a Napoli. É l’idea lanciata da tre editori napoletani, Rogiosi, Guida e Alessandro Polidoro, che hanno deciso di unire le forze per sensibilizzare la Campania e i giovani alla lettura, in una regione e in un Mezzogiorno dove si legge davvero poco, basta pensare che l’intero Sud Italia legge quanto la sola regione Lombardia. Il comitato di editori formato da Rosario Bianco, Diego Guida e dal presidente Alessandro Polidoro si chiama Liber@arte, si è riunito nella libreria Raffaello del Vomero e ha ricordato l’esperienza di “Galassia Gutenberg” che da cinque anni è scomparso dalla scena. “Non è possibile che Napoli non abbia una fiera del libro – dice Polidoro – il nostro primo e concreto obiettivo è proprio quello di ridare dignità letteraria a Napoli, una città ricca di autori e di cultura”.
In un panorama editoriale campano e italiano “caratterizzato da profonde divisioni – spiega Bianco, della Rogiosi Editore – il comitato Liber@arte nasce per unire. Siamo un inedito e siamo andati anche oltre quelli che sono gli interessi individualistici e imprenditoriali per il bene dei libri”.
I tre editori napoletani hanno capito che l’unione è l’unica possibilità di rilanciare il libro al Sud: “Il fermento è di casa a Napoli – dice Guida – ed è un peccato non sfruttarlo, perché gli editori al Sud ci sono, gli autori anche, la qualità letteraria pure, ma si è lasciati soli dalle istituzioni ed è per questo che dobbiamo rimboccarci le maniche”.
Nel corso della presentazione, moderata dalla giornalista Nunzia Marciano, sono poi intervenuti sei autori di altrettanti libri, due per ogni casa editrice che si sono alternati in una staffetta letteraria: She’s Rock di Mariagrazia Liccardo e Trentaremi di Vittorio Del Tufo per Rogiosi Editore; Non una di più di Maria Rosaria Selo e Bob Dylan. Cantautore da Nobel di Gianfranco Coci e Antonio Tricomi per Guida Editori; Mia di Federica Flocco e Single per legittima difesa di Nunzia Marciano per la Alessandro Polidoro Editore. L’incontro ha visto anche l’intervento dello scrittore Maurizio De Giovanni, che ha messo l’accento sul fatto che Napoli è fonte di continuo racconto: “L’Italia ama Napoli – afferma l’autore de “I bastardi di Pizzofalcone” – e questo non può essere sottovalutato, anzi deve essere valorizzato”. Un saluto è stato fatto anche dall’artista di Napoli per eccellenza, Lello Esposito, che assieme a De Giovanni è stato tra i primi firmatari dell’iniziativa congiunta alla presentazione del comitato, ossia la raccolta di firme di adesione sulla volontà di far tornare appunto a Napoli Il Salone del Libro. Durante la presentazione è stato lanciato anche il prossimo appuntamento del comitato che sarà il 21, 22 e 23 aprile in via Luca Giordano a Napoli per l’iniziativa “Il gazebo dei libri”.