Liberata ragazza pachistana costretta ad abortire

17

Verona, 18 mag. (AdnKronos) – Sarebbe stata liberata a Islamabad dalla polizia locale la 19enne pachistana segregata in casa dopo essere stata costretta dal padre ad abortire. La ragazza, residente a Verona con la famiglia, era rientrata in patria nei mesi scorsi, dopo essere rimasta incinta del fidanzato, un ragazzo veronese, anche lui di origini pachistane.

Era stata la stessa 19enne a chiedere aiuto con dei messaggi inviati via Whatsapp alle compagne di scuola dell’Istituto professionale Sanmicheli, da lei frequentato fino a quando è rimasta in Italia. I suoi amici, allarmati dai messaggi, hanno allertato la dirigenza scolastica che a sua volta ha avvertito la Digos e il consolato. A quanto si apprende, ora la ragazza sarebbe stata messa al sicuro dalle forze di polizia pachistane.