Libri: Marco Tullio Barboni vince Premio giuria Città di Cattolica

18

Roma, 27 mar. (Labitalia) – Marco Tullio Barboni vince del Premio speciale della giuria al Premio letterario internazionale città di Cattolica-Pegasus literary awards decima edizione, con il suo secondo lavoro letterario, edito da Viola Editrice e dal titolo ‘A spasso con il mago. Merlino e io’. La cerimonia di premiazione avverrà sabato 14 aprile, presso il teatro della Regina. “Sono stato molto emozionato -dice a Labitalia Barboni- nell’apprendere la notizia. Un premio che mi rende orgoglioso del mio nuovo percorso di scrittore, e che riguarda un libro a cui io tengo davvero tanto per motivi affettivi”.

Il libro di Barboni si riaggancia a un celebre corto (‘Il grande forse’) da lui stesso diretto con Philippe Leroy e Roberto Andreucci, dove tra i protagonisti c’era anche l’amato cane Merlino, oggi scomparso. Dalla vicenda reale di Merlino a quella letteraria, Barboni ha l’intenzione di rendere eterno, parlandone, il ricordo dell’amore provato per il suo animale, e che riguarda tutti gli indissolubili legami similari che chiunque abbia posseduto un animale può capire. Attraverso una passeggiata onirica che ricalca la passeggiata che Marco Tullio e Merlino hanno fatto ogni sera per anni, si snoda una vicenda magica ed incantata, che commuove e fa riflettere, e aiuta a ritrovare un legame a tutti gli effetti d’amore, anche solo attraverso un sogno lucido come descritto nel libro.

Marco Tullio Barboni, appartiene a una illustre famiglia che ha segnato tratti importanti del cinema italiano d’autore. Lo zio Leonida è stato un direttore della fotografia amatissimo da Anna Magnani, il padre Enzo, prima operatore alla macchina e direttore della fotografia. Sempre il padre con lo pseudonimo di E.B. Clucher, come regista ha legato gran parte della sua fama a film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill e all’indimenticabile filone dei fagioli western.