Libri, tra migranti e caporalato storia di un avvocato di strada in difesa degli ultimi

42
in foto Massimiliano Arena

E’ stato il Michael Brock di John Grisham, l’avvocato di strada protagonista del romanzo dello scrittore americano ad aver ispirato Massimiliano Arena. A Foggia, Massimiliano è per tutti l’avvocato di strada, quello che difende chi non ha diritti e che nel corso del programma Rai ‘I dieci comandamenti’ ha raccontato la situazione di degrado in cui vivono i braccianti agricoli della raccolta del pomodoro nelle campagne del Foggiano. Bulgari, rumeni, africani, uomini, donne, ragazzi, bambini dimenticati dal mondo, costretti a vivere in casolari abbandonati, senza acqua ed elettricità, senza servizi igienici, senza istruzione, senza diritti. E’ da questa umanità ignorata che Massimiliano ha scelto di ripartire per dare un senso diverso alla sua professione, un’impronta più etica alla sua vita, accantonando l’ansia del profitto e del successo. Dal 14 giugno in libreria, ‘Io, avvocato di strada’, con la prefazione di Domenico Iannaccone, che racconta la storia di Massimiliano e le esperienze di avvocato di strada.
Nel 2005, nei pressi della stazione di Foggia, Massimiliano Arena ha aperto a Foggia uno sportello dell’associazione Avvocati di Strada. Come funziona lo sportello? “Il primo contatto con le persone in difficoltà è gestito dai ragazzi dell’associazione Fratelli della Stazione, e poi si passa alla consulenza vera e propria nei vari settori legali. Io mi occupo della supervisione dello sportello.Il gruppo è composto da 12 avvocati di strada, che hanno creduto nel mio progetto. Gli immigrati, i senza tetto, i braccianti vittime del caporalato prendono coscienza dei propri diritti e vengono sostenuti nell’affrontare eventuali azioni legali. La caratteristica dello sportello è la gratuità, fondamentale per allontanare persone alla ricerca di potenziali clienti per il proprio studio legale attraverso questa realtà di volontariato. Noi offriamo una consulenza gratuita e non accettiamo mandati; una rete di avvocati collabora con il nostro sportello e assiste queste persone con il gratuito patrocinio”.