Il liceo “Vico” diventa ambasciatore del parlamento europeo

127
In foto alcuni studenti del liceo "Vico" di Napoli

Il liceo Giambattista Vico di Napoli è stato riconosciuto dall’esecutivo di Bruxelles quale scuola ambasciatrice del parlamento europeo. Presso l’aula magna dell’istituto si è svolta questa mattina la Festa dell’Europa, evento conclusivo dell’Ambassador School Programme 2018 del parlamento europeo. Durante la manifestazione sono stati insigniti del titolo di ambasciatori del Parlamento europeo 26 studenti e tre docenti del liceo Vico, tra cui la referente del programma, professoressa Piera Violante Ruggi d’Aragona. Sono stati proiettati alcuni video realizzato dai ragazzi sul tema della cittadinanza europea, inaugurata una mostra a tema e intitolata un’aula all’Europa. “Si conferma l’impegno che da anni il liceo Vico sta mettendo in campo per rendere la scuola sempre più internazionale, proiettata ai grandi obiettivi e alle grandi sfide che l’Europa ci porta ad affrontare”, ha detto la dirigente scolastica Clotilde Paisio. “La festa dell’Europa è il suggello di tanti programmi che la scuola in questi anni ha messo in campo, come il Cambridge international o l’Esabac; e in un epoca di euroscetticismo rappresenta un messaggio europeo dal forte valore anche simbolico”. Per l’europarlamentare del Pd, Andrea Cozzolino, “in questa scuola facciamo una sperimentazione particolare: diamo degli attestati per dei veri e propri ambasciatori delle istituzioni europee che sono i ragazzi che hanno frequentato un corso, che conoscono come lavorano i parlamentari europei”.
“Questo è molto importante perché l’Europa non è solo istituzioni o normative, ma è soprattutto opinione pubblica, che si costruisce anche grazie al lavoro di questi ragazzi. Senza una opinione pubblica europea non esisterebbe neanche una democrazia europea. Creiamo quindi le condizioni per far si che le nuove generazioni siano pianamente integrate nei processi europei”. Lucia Fortini, assessore regionale all’Istruzione, ha aggiunto: “questa iniziativa significa per i giovani aprirsi all’Europa e al mondo. Per noi istituzioni significa invece puntare sui giovani e la scuola. La Regione Campania crede nell’importanza di dare delle opportunità agli studenti. Questa e’ una delle 450 scuole vive, con attività didattiche anche nel pomeriggio; la Regione ha investito 100 milioni di euro per far restare all’interno delle strutture scolastiche i nostri ragazzi, oltre al trasporto scolastico gratuito, alle borse di studio da 400 euro a favore di circa 13mila studenti. Puntare sui giovani, significa per noi aprire il futuro”.

In foto il liceo “Vico”