Linea ferroviaria Benevento-Napoli, 5 mesi per il ripristino

102

“La Regione ben conosce la situazione e la gravità dei disagi dei cittadini che devono spostarsi sulla tratta ferroviaria Benevento-Napoli, attualmente coperta parzialmente da treni e parzialmente da bus, dovuta in particolare al movimento franoso che si è verificato nel territorio di San Martino Valle Caudina (Benevento) a febbraio scorso. L’Eav sta procedendo alla progettazione di interventi necessari al ripristino della funzionalità e alla riapertura dell’esercizio ferroviario e anticiperà questa parte di intervento relativa alla rimozione per il quale si prevede un tempo tecnico, con l’installazione di micro pali molto profondi, di cinque mesi di lavoro e un costo di circa 700mila euro”. Lo ha detto l’assessore ai Fondi europei della giunta della Regione Campania, Serena Angioli, rispondendo nella seduta odierna del Question Time all’interrogazione presentata dal consigliere del Pd Erasmo Mortaruolo, che ha sottolineato l’isolamento in cui sono piombati i cittadini sanniti. Per l’esponente della giunta De Luca, la priorità sono i lavori per la regimazione delle acque. “Stiamo intervenendo per reperire le fonti di finanziamento per questi lavori strutturali – ha aggiunto l’assessore Angioli – che costeranno all’incirca tre milioni di euro”.