Linfociti “killer”, nuova terapia genica contro il linfoma

144

Trasformare le cellule del sistema immunitario del paziente, i linfociti, in spietati killer del cancro: è questo il principio alla base di una nuova terapia genetica per la cura del linfoma non-Hodgkin che è stata appena autorizzata negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration. La terapia, chiamata “Yescarta” e prodotta dalla Kite Pharma, e’ stata autorizzata per gli adulti affetti da linfoma non-Hodgkin, neoplasie maligne del tessuto linfatico, che siano stati gia’ sottoposti ad almeno due trattamenti chemioterapici senza alcun beneficio. Secondo i ricercatori il trattamento genetico trasforma le cellule del paziente in “un farmaco vivente” che attacca le cellule cancerogene. Si tratta di un nuovo sviluppo della promettente ricercanel settore dell’immunoterapia che usa farmaci o modifiche genetiche per “inserire il turbo nel sistema immunitario”.
Secondo il New York Times solo negli Usa almeno 3.500 pazienti potrebbero esser trattati con la nuova terapia genica che ha un costo di 373.000 dollari. Terapia che va studiata e calibrata per ogni singolo paziente, avendo tutti un sistema immunitario diverso. La cura era stata inizialmente studiata dal National Cancer Institute che ha poi fatto un accordo con la Kite Pharma nel 2012 che ha fornito i fondi per trasformare la teoria in realta’ ed ottenerne poi i diritti di sfruttamento. Proprio grazie alle indiscrezioni sulla nuova terapia – in attesa del via libera oggi della Fda – la Kite e’ stata acquistata dal colosso farmaceutico Gilead per 11,9 milairdi di dollari, a conferma che investire nella ricerca alla fine paga. Lo Yescarta e’ il secondo trattamento genico autorizzato dalla Fda. Il primo, il Kymriah della Novartis, e’ stato approvato ad agosto e riguarda i bambini o i giovani con forme aggressive di leucemia. Un ciclo di Kymriah costa 475.000 dollari ma Novartis ha promesso che sara’ gratis per quei pazienti che non mostreranno miglioramenti entro un mese.