L’insolita amicizia tra Israele e Azerbaijan

142
In foto Mammad Ahmadzada, ambasciatore dell'Azerbaijan in Italia
L’attualità detta l’Azerbaigian come un luogo speciale dove il futuro non solo si deve ancora scrivere, ma è il punto di convergenza di una nuova politica energetica tra l’Europa e l’Asia, che fino a questo momento si è fondato solo sulla contesa e non sul dialogo. Come scrive Domenico Letizia, esperto di questo problema,  in un suo saggio, la  politica internazionale rende l’Azerbaigian paese sinonimo di accettazione e tolleranza, di rispetto reciproco tra individui che abbracciano fedi diverse.
Merito della politica o della diplomazia? Diciamo che il “simbolo di un simile atteggiamento benevolo è il rapporto che lega, politicamente, socialmente ed economicamente il Paese allo stato di Israele. In Azerbaigian, gli ebrei sono accettati come parte integrante del tessuto sociale. Il rapporto tra Azerbaigian e Israele è un intreccio ben riuscito di economia, diplomazia e gratitudine, una stretta di mano che tiene uniti interessi troppo importanti per non essere coltivati“.
Effettivamente questa particolarità è una inversione dinamica rispetto alla tradizionale ostilita’ verso Israele che contraddistingue tante nazioni dell’area fino all’Iran che volentieri la vedrebbe scomparire dalle cartine geografiche.
 I recenti sviluppi nelle relazioni economiche e diplomatiche tra i due Paesi, testimoniate anche da S.E. l’Ambasciatore dell’Azerbaigian in Italia Mammad Ahmadzada, altro non rappresentano che il naturale proseguimento di un dialogo antico : “ quello che – prosegue Domenico Letizia – già sul  finire  degli anni Novanta, si presentava come promettente. Recentemente, la solidità dei rapporti tra i due Paesi è stata celebrata dal presidente Ilham Aliyev che, durante un importantissimo incontro con il premier israeliano, si è  espresso con parole molto concilianti e benevole . Ricordiamole queste parole: “Per secoli, l’Azerbaigian e lo Stato di Israele hanno vissuto in pace e questo legame di amicizia continua a vivere nel nostro Paese. La comunità ebraica in Azerbaigian collabora attivamente nel sistema sociale e questo contribuisce a rafforzare le nostre relazioni bilaterali” .
In Azerbaigian sono presenti sette sinagoghe, cinque delle quali sono situate nella capitale Baku e numerose sono le scuole ebraiche presenti sul territorio.