Lo chef Luigi Vitiello re del panettone. Encomio dal sindaco di Torre del Greco: Dà lustro al nostro territorio

251
in foto Giovanni Palomba, sindaco di Torre del Greco, e Luigi Vitiello, pastry chef

Il pastry chef Luigi Vitiello ha ricevuto dal Comune di Torre del Greco, nella persona del sindaco Giovanni Palomba, l’encomio per l’egregio lavoro svolto finalizzato non soltanto al corretto svolgimento dei suoi doveri, ma anche alla promozione del territorio torrese attraverso l’arte pasticciera. Il pasticciere torrese, classe 1965, è stato insignito lo scorso 25 ottobre a Cinecittà World, a Roma – nel corso della rassegna “Campionato mondiale miglior panettone del mondo 2020” organizzata e promossa dalla Federazione Internazionale di Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria – del titolo di Campione Mondiale – Medaglia d’Argento per la categoria “panettone classico”.
Un curriculum vasto ed articolato quello di Luigi, che vanta un’esperienza ampia e consolidata nel settore della pasticceria, tra partecipazioni a numerose kermesse di respiro internazionale e collaborazioni lavorative in prestigiose realtà imprenditoriali locali e non: da Positano a Capo Rizzuto; da Firenze a Portofino; da Roma a Milano, sino ad altre importanti città d’Italia.
A consegnare il riconoscimento, il primo cittadino di Torre del Greco nel pieno rispetto della normativa e dei protocolli di contenimento e contrasto al Covid-19.
“Desidero esprimere – le parole del sindaco, Giovanni Palomba – un vivo apprezzamento al nostro concittadino per gli alti meriti professionali conseguiti. Si è distinto per competenza ed esperienza nel corso dell’ultima rassegna internazionale di pasticceria, conquistando un titolo prestigioso ed importante. Un’occasione di gioia per la città di Torre del Greco e per l’intera comunità, nonostante il delicato momento sociale che tutti stiamo vivendo”.
“Sono felice che l’Amministrazione Comunale mi abbia consegnato questo riconoscimento – afferma Luigi Vitiello -. L’enogastronomia è una leva per il marketing del territorio; tante località sono divenute mete turistiche grazie a chef, pasticcieri e pizzaioli ivi presenti. Auspichiamo lo stesso per Torre del Greco”.