Lo sport del cuore Sifà un campus per la fibrosi

48

Inizierà martedì 2 luglio il primo campus di tre giorni dedicato a trenta adolescenti con fibrosi cistica e non, nell’ambito del progetto “Sifà”, un percorso sportivo sostenibile all’interno del “Vesuvio Wild” del parco nazionale del Vesuvio, primo eco-campus italiano in area protetta. Il progetto è stato ideato dalla Lega Italiana Fibrosi Cistica (Lifc) in collaborazione con la Fondazione Cannavaro Ferrara ed il Movimento Eco Sportivo, ed è stato reso possibile grazie al finanziamento erogato della presidenza del Consiglio dei Ministri – dipartimento Pari opportunità. “Sifà” parte dalla considerazione che le pari opportunità, l’inclusione sociale, il pari accesso alle strutture e ai servizi e la solidarietà tra le persone richiedano un sostegno più determinato nel settore dello sport. L’attività sportiva risulta particolarmente benefica per i pazienti con fibrosi cistica, in quanto li aiuta a rimuovere le secrezioni di muco dai polmoni, migliorando la capacità respiratoria. Attraverso la pratica sportiva (non agonistica) i giovani partecipanti al campus impareranno ad orientarsi meglio, rafforzeranno la propria resistenza fisica e psicologica e, grazie al lavoro e alle gare di gruppo, anche i vantaggi legati all’aumento dell’autostima saranno tangibili. Tre giorni, sotto la guida di personale esperto e personale medico, per cimentarsi con esercitazioni sportive, attività tematiche ludico-didattiche ed escursioni. Per saperne di più sul progetto tutte le informazioni sono reperibili agli indirizzi www.fibrosicistica.it e www.fondazionecannavaroferrara. it.