Loko for Drink, il vuoto a rendere diventa business

34
Il recupero delle bottiglie di birra diventa un business per l’azienda campana Loco for Drink (sede a Giugliano in provincia di Napoli). Gli involucri vengono riutilizzati e garantiscono risparmio di costi alle imprese produttrici e ridotto impatto ambientale grazie al minor volume di rifiuti da smaltire. Il progetto si chiama “Vuoto a Rendere”. L’idea ha radici in Germania, come spiega il general manager di Loco for Drink, Fabio Ditto. “Lì il vuoto a rendere è legge dal 1992. Per il momento testeremo il progetto su due marchi che noi importiamo e distribuiamo, Auerbrau e Hacker Pschorr”. Il motivo? “Sono due delle birre che rispondono al Disciplinare della purezza, un editto tedesco che risale al 1516 quando il duca Guglielmo IV studia un metodo per certificare la qualità del prodotto”. Il vuoto a rendere, fanno sapere dall’azienda napoletana, consente di utilizzare una bottiglia fino a 40 volte. Loko for Drink nasce come distributore di bevande e nel tempo si specializza anche in ambiti come l’installazione di macchine per l’erogazione alla spina e diffusione di marchi di piccoli birrifici artigianali.