‘London Mastaba’, la nuova opera di Christo

24

Londra, 24 giu. – (AdnKronos) – Una ‘mastaba’, composta da 7.506 barili di petrolio colorati disposti su una piattaforma di cubetti di plastica, galleggia per tutta l’estate nel cuore di Londra, nel lago Serpentine all’interno di Hyde Park, alle spalle del Kensington Palace.

E’ il nuovo progetto dell’artista bulgaro naturalizzato statunitense Christo, la sua prima installazione di Land Art in Inghilterra, che segue di due anni l’installazione galleggiante di grande successo in Italia nel 2016, .

La nuova installazione londinese è ispirata alle ‘mastabe’, le monumentali tombe dell’antica civiltà egizia ideate ‘a tumulo’ allo scopo di proteggere le salme dei defunti dagli assalti degli animali in cerca di cibo. La ‘London Mastaba’ è alta 20 metri, a forma di trapezio, lunga 40 metri e larga 30 metri, ed è tenuta ferma da 32 ancore. L’intera scultura pesa 600 tonnellate e copre l’uno per cento della superficie del lago.

Christo Yavachev, 83 anni, ha già usato questo richiamo antico come fonte di ispirazione nel 1975 in Texas ed è anche al centro di un futuro progetto da realizzare nel deserto di Abu Dhabi (Christo ha ipotizzato una struttura composta da 410mila botti di alluminio multicolore). L’installazione della ‘London Mastaba’ di Hyde Park coincide con l’apertura della mostra dedicata all’installazione di Christo e della moglie Jeanne-Claude Denat de Guillebon, scomparsa nel 2009, allestita nella vicina galleria d’arte Serpentine (fino al 23 settembre), che con sculture, modelli, disegni e fotografie ripercorre mezzo secolo di carriera artistica in coppia.

L’artista ha iniziato a lavorare al progetto londinese nell’ottobre 2016 e il progetto ha avuto un costo di 4,2 milioni di dollari, a totale carico di Christo. L’installazione appare come un mosaico dei colori rosso, blu e malva, creando un effetto in stile impressionista e riflessi scintillanti nelle acque del lago.

“In questa opera – ha detto Christo durante la presentazione – non ci sono messaggi, ognuno deve scoprire da solo il proprio messaggio. Non posso essere io la guida, solo sviluppando i sensi ciascuno potrà trovare il suo messaggio. Ho creato un’enorme scala verso il cielo”.