Lorenzo Rusconi, The Backgammon Player: il gioco come metafora esistenziale

224
in foto Lorenzo Rusconi

Ideato dall’artista Giuseppe Leone, è un osservatorio sull’arte visiva che, attraverso gli scritti di critici ed operatori culturali, vuole offrire una lettura di quel che accade nel mondo dell’arte avanzando proposte e svolgendo indagini e analisi di rilievo nazionale e internazionale

di Azzurra Immediato e Marco Tagliafierro

Come si determina la scelta di un libro? È il titolo a conquistare il lettore? L’autore? La storia? I personaggi? Tutti questi fattori, contemporaneamente oppure solo uno di essi? Ma vi è qualcosa che va oltre, qualcosa che, al di là della pura narrazione e della trama dipanata tra le pagine di un libro, spinge un lettore a scegliere, tra tanti, quel volume: la percezione che ogni capitolo possa rappresentare un attimo di vissuto, un istante condiviso e compreso od una sorpresa da cui poter ancora imparare ma anche, e soprattutto “una metafora della esistenza umana e delle sfaccettature presenti in essa” come afferma Lorenzo Rusconi, autore di The Backgammon Player che abbiamo intervistato per Il Denaro.

Marco Tagliafierro: La trama esprime lo schema di una strategia di Backgammon?
Non esattamente, anche se i capitoli simboleggiano le 24 punte del Backgammon. La trama, attraverso le storie e i personaggi rappresentati, esprime la possibilità di vedere il gioco del Backgammon come una metafora della esistenza umana e delle sfaccettature presenti in essa.

Marco Tagliafierro: A quali qualità del backgammon corrispondono i personaggi ?
Molte qualità umane sono rappresentate nel Backgammon, ed è proprio attraverso il gioco che Cloto e Frederick costruiscono le proprie identità, e, attraverso i loro viaggi, danno significato alla loro esistenza.

Azzurra Immediato: “Cloto tesse e dà la vita, Lachesi la misura, poi Atropo la toglie con una lama che taglia il filo delle esistenze umane. […] Non accontentarti delle prima cose che vedi. Ogni periodo ha le sue bellezze e i suoi lati negativi.” La trama del Suo libro è affidato alle Moire e guarda ad uno dei giochi più antichi dell’umanità, oggi noto come backgammon, ma già diffuso in Oriente e in Occidente migliaia di anni fa. Esso funge da metafora ma qual è la prima cosa che, secondo Lei, vediamo nella vita?
Come prima cosa, la vita ed il Backgammon hanno presenti in essi il libero arbitrio e il determinismo, e l’interazione di queste due qualità crea e determina l’esistenza umana. Inoltre, come dovrebbe essere sempre nella vita, il Backgammon ti obbliga ad essere un elemento attivo, dinamico e in continua trasformazione.

Azzurra Immediato: The Backgammon Player è una sorta di viaggio attraverso terre e tempi lontani, in cui la tavola da gioco ricorre in modo costante, come memento, mentre la tessitura narrativa dipana avventure e riflessioni esistenziali. Come è nata questa pubblicazione e il lettore cosa deve aspettarsi prima di imbattersi nel… gioco letterario da Lei costruito?
Questo romanzo è figlio di due mie grandi passioni, la filosofia ed il Backgammon. Proprio mentre studiavo filosofia all’università, mi sono reso conto di come il Backgammon, attraverso le sue regole e strategie, poteva essere uno strumento psico terapeutico usato per aiutarmi a capire e vivere la mia vita, accettare quello che non posso cambiare e lavorare su ciò che posso influenzare. Attraverso Cloto e le sue sorelle ho cercato di trasmettere questo mio pensiero. Con questo romanzo spero di trasmettere, a chi già conosce il gioco, un altro modo di vedere il Backgammon, e per chi non lo conoscesse, di magari avvicinarsi a questo antico e incredibile gioco.

‘The Backgammon Player’ reca con sé elementi diversi, complessi ed affascinanti, tali da far sì che, ad ogni capoverso, il lettore possa ritrovarsi in una sorta di paradosso nel quale il suo ruolo può delineare nuove sfumature, nuovi enigmi da risolvere, mediante l’aiuto della filosofia, del gioco serio della letteratura e, al tempo stesso, generare interrogativi su sé stessi e sulla vita, quasi si trattasse di una emblematica ed allegorica partita al tavolo da backgammon.

in foto The Backgammon Player, di Lorenzo Rusconi.