L’Orientale e gli altri atenei campani a Kyoto: nuova sede per la Scuola italiana di studi sull’Asia Orientale   

30
In foto l'ambasciatore d'Italia in Giappone, Giorgio Starace e il console generale a Osaka, Luigi Diodati, inaugurano a Kyoto la nuova sede della Scuola Italiana di Studi sull'Asia Orientale (Iseas)
L’Ambasciatore d’Italia in Giappone, Giorgio Starace e il Console Generale a Osaka, Luigi Diodati, hanno inaugurato a Kyoto la nuova sede della Scuola Italiana di Studi sull’Asia Orientale (Iseas). L’istituto ha trasferito, infatti, le sue attività presso l’Ecole francaise d’Extreme Orient (Efeo) con la quale esistono da anni intensi rapporti di collaborazione e ricerca. Nel corso della cerimonia di inaugurazione l’Ambasciatore Starace ha sottolineato il ruolo dell’Università di Napoli “L’Orientale” e degli altri atenei campani che sostengono finanziariamente l’Iseas (Università di Napoli Federico II, Università della Campania, Università di Napoli Parthenope, Università di Salerno, Università del Sannio). Ha poi ribadito l’importanza della collaborazione con l’Efeo in un’ottica di azione sinergica di ispirazione europea. L’inaugurazione della nuova sede è stata l’occasione per una giornata di studio e di incontro tra studiosi e ricercatori italiani su molteplici ambiti scientifici, dal teatro alla letteratura, dal diritto alla storia, dalla filosofia alle religioni fino alle relazioni internazionali e alla storia delle idee. Alla conferenza sono, anche, intervenuti in video conferenza dall’estero Rebecca Suter dell’Università di Sydney, Alessio Patalano del King’s College di Londra e Giorgio Amitrano dell’Università Orientale di Napoli che presiede anche il Comitato scientifico dell’Iseas.