L’orizzonte del possibile: il cinema di Sandro Dionisio

232
In foto: Sandro Dionisio

Con “L’orizzonte del possibile” (Cinemasud, 2020) il regista Sandro Dionisio ci propone non solo un prontuario di visione cinematografica, ma un manuale di scrittura per immagini, con l’analisi dei principi della messa in scena per una narrazione del reale attraverso lo strumento cinematografico.

“Un libro che racconta e indica come dipanare dal groviglio incandescente del reale il filo rosso delle storie possibili – spiega Dionisio -, riconoscerle e strutturarle in modo compiuto. L’orizzonte parla di forma non di formule, di contenuti, non di apparenza, anche se di questa penetra le dinamiche drammaturgiche”.

Autobiografia di un cineasta necessario e manuale di sopravvivenza cinematografica: “L’orizzonte del possibile” analizza i meccanismi   della narrazione attraverso il filtro del binomio motion/emotion: un manuale che si legge come un ‘autobiografia, una lettura consigliata a studiosi e neofiti, istruzioni per l ‘uso per giovani cineasti, ma anche un libro sull‘arte di scrivere e far vivere storie per attraversare per una volta la faccia visibile dello specchio.

Musicista, drammaturgo, sceneggiatore e regista per il cinema ed il teatro, Sandro Dionisio è docente di cinema presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Diplomato in Regia e Sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma nel 1987, dopo essere stato voce e anima del gruppo pop Panoramics, si dedica ad un intenso apprendistato cinematografico con maestri del calibro di Peppe De Santis, Nanni Loy, Francesco Rosi, Gianni Amelio, Marco Risi, Mario Martone e altri.

Per il cinema ha diretto “La Volpe a tre Zampe”, premio della Giuria al Giffoni Film Festival 2003, premio miglior attrice, premio della giuria e del pubblico alla decima edizione del Vieste Film Festival e presentato in concorso al 54° Berlin International Film Festival del 2004; “Un consiglio a Dio” con Vinicio Marchioni, premiato al Procida Film Festival 2014; “Voce ‘e Sirena” ambientato nelle rovine del sito museale di città della Scienza, con Cristina Donadio, Rosaria De Cicco, Enzo Moscato, Agostino Chiummariello; “Costellazione Bertolucci”, documentario dedicato all’ultimo grande maestro del cinema italiano del Novecento.

“L’orizzonte del possibile” sarà presentato venerdì 6 novembre, alle ore 16, sulla piattaforma Zoom dall’autore, con il curatore Salvatore Iorio, il direttore di Cinemasud Paolo Speranza, la sceneggiatrice Heidrun Schleef e il direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia Adriano De Santis.

Diretta zoom al link https://zoom.us/j/93446729915…