“L’oro blu, una risorsa da salvaguardare”, successo per il convegno promosso dal consolato del Benin

55

Successo per il Convegno “L’Oro Blu: una Risorsa da Salvaguardare” promosso dal Consolato del Bénin a Napoli e l’Anci Campania. Venerdì 9 luglio presso il suggestivo Complesso Monumentale di Castel dell’Ovo a Napoli, ha avuto luogo il Convegno “L’Oro Blu: una Risorsa da Salvaguardare”, organizzato dal Consolato della Repubblica del Bénin a Napoli, rappresentato dal Console Giuseppe Gambardella, congiuntamente con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) – Campania, nelle persone del Presidente Avv. Carlo Marino, Sindaco della Città di Caserta, e del Vice Presidente con delega alla Cooperazione, Dott. Alessandro Fucito, Presidente del Consiglio Comunale di Napoli, e promosso grazie al supporto dell’Assessore all’Istruzione Dott.ssa Annamaria Palmieri e del Responsabile del Castello Dott.ssa Vanessa Antinolfi.
L’evento, magistralmente moderato dalla Dott.ssa Filomena Domini, ha visto la presenza di importanti Autorità Civili e Militari tra cui il Senatore della Repubblica Italiana On. Pietro Lorefice; il Capo di Missione del Comune di Cotonou e Consigliere al Consiglio Nazionale dell’Educazione presso la Presidenza della Repubblica del Bénin Dr. Pierre d’Alcantara Zocli ed il Responsabile della Comunicazione del Comune di Cotonou Dr. Hugues Tchaou. In particolare l’ On. Pietro Lorefice, ha onorato l’incontro sottolineando l’importanza di difendere l’ utilizzo sostenibile dell’acqua come bene comune.
In apertura, l’Assistente agli Affari Consolari, Dott.ssa Lucrezia Angela Botta, ha dato lettura della Missiva Ufficiale inviata all’Istituzione Consolare dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione della Repubblica Italiana On. Luigi Di Maio. Nel corso del simposio sono intervenute anche personalità di spicco del modo accademico come il Prof. Ing. Vincenzo Belgiorno, Direttore Ente Idrico Campano; il Prof. Ing. Guido d’Urso Facoltà di Ingegneria Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ed il Dott. in Scienze Turistiche Ciro Amoroso, i quali, grazie alle competenze messe in atto, hanno fornito elementi scientifici secondo cui il prossimo 29 Luglio 2021 ricorre l’Earth Overshoot Day (EOD), in italiano Giorno del Superamento Terrestre, data che segna il pericoloso momento a partire dal quale l’intera comunità internazionale consuma più di quanto il Pianeta possa rigenerare. Pertanto, l’essere umano ha il dovere civico ed etico di agire tempestivamente preservando la biocapacità terrestre ed esserne custode per le generazioni future.
Il Console Gambardella ha quindi esortato i Sindaci ANCI ad apporre una leva di controllo alle fontane a getto perpetuo, presenti sui territori comunali, in quanto il consumo incontrollato dell’ “Oro Blu” impoverisce il nostro già debole pianeta, per cui è necessario intervenire fin da adesso, onde evitare in futuro l’adozione tardiva di misure che si riveleranno insufficienti ad arginare i danni arrecati.
Tale iniziativa deve però essere inserita in un quadro di riforme molto più ampio, che potrebbe portare ad un completo rinnovamento del Sistema di Reti Idriche nazionale, il quale causa attualmente la perdita di circa 3,5 miliardi di metri cubi di acqua, degli 8,2 immessi ogni anno.
Alla luce dei dati statistici, lasciar sgorgare costantemente il flusso d’acqua delle fontanelle pubbliche, che perpetua anche nei momenti in cui nessuno ne usufruisce, rappresenta non solo un inaccettabile spreco di risorse naturali non rinnovabili, ma un lusso che non possiamo più permetterci, considerando che esistono Stati come la Repubblica del Bénin, paese situato nella fascia sub sahariana del continente africano, che faticano a garantire il libero accesso a questo bene primario. Per queste nazioni e per tutti gli esseri umani l’acqua è fonte di vita, uniamo le nostre forze per usufruirne in maniera responsabile.