Lotta alla malnutrizione, l’Italia finanzia l’Unicef in Sudan

58


Prevenire e controllare la malnutrizione, con particolare attenzione ai minori 0-5 anni e donne in fase di allattamento e in gravidanza. Con questo obiettivo il governo italiano, attraverso l’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, donerà 500mila euro per un nuovo progetto implementato da Unicef nello Stato del Mar Rosso. Il progetto, della durata di 12 mesi, sarà realizzato in cinque province dello Stato orientale. Attraverso il contributo italiano, Unicef dovrà fornire assistenza tecnica e supporto al ministero della Sanità dello Stato del Mar Rosso, suo principale partner nella regione. I Rappresentanti di Unicef, Abdullah A. Fadil, e del governo italiano, l’Ambasciatore d’Italia Fabrizio Lobasso, si sono incontrati nei giorni scorsi presso l’Ufficio di Khartoum dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo per la cerimonia di firma dell’accordo. Lobasso ha espresso grande soddisfazione per questo impegno reciproco e ha sottolineato l’importanza di facilitare l’accesso a sistemi integrati che combattano denutrizione e malnutrizione, problematica su cui il governo italiano ritiene importante agire: “L’Italia – ha detto il nostro Ambasciatore – si è sempre impegnata a migliorare le condizioni di vita della popolazione sudanese e questo progetto apre nuove fondamentali opportunità per i gruppi vulnerabili della regione”