Luci in passarella sulle sete di San Leucio, madrina la Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie

205

di Federica Cigala

Metti, un pomeriggio in uno storico palazzo nobiliare della nostra città, un’ esclusiva passerella di alta moda con la partecipazione speciale di una principessa di gran classe e di un pubblico selezionato. Ad una settimana dall’ evento “L’Alta Moda Leuciana” con le preziose stoffe di San Leucio nel settecentesco Palazzo Albertini dei principi di Cimitile con la presenza di S.A.R. la Principessa Beatrice di Borbone delle due Sicilie, giunta direttamente da Parigi per l’occasione, ancora si respira quell’ atmosfera di eleganza e di ritorno al fascino del passato in chiave moderna. Dall’ ingresso al Palazzo storico e alla suggestiva dimora principesca del parterre di qualità, fino alla sfilata della collezione leuciana, al light rinfresco, tutto è stato curato con stile e dovizia di particolari grazie all’ impeccabile regia di Randa Ghattas, esperta di relazioni internazionali in ambito culturale.

   

              

 

Fil rouge della serata la seta di san Leucio che si appresta a fare il salto nel mondo dell’Alta moda, con la collezione di abiti proposta dalla giovane stilista Eva Scala. La collezione Amalia, dal nome della madre di re Ferdinando IV, tutta realizzata con le stoffe dello Showroom di Tradizione Serica Alois, che coniuga tradizione tessile e innovazione di un design d’ avanguardia. Molto apprezzati dal pubblico in sala damaschi, broccati, e jacquard tipici della tradizione serica leuciana, con capi interamente realizzati a mano e versatili, dalle giacche o “tailleur pantaloni” che esaltano la bellezza femminile, e sposano il desiderio della donna di oggi che vuole ritornare a sedurre con classe, completi di accessori, dalla borsetta alle scarpe, cinture e cappello, rigorosamente in tessuto. “Ho voluto dare visibilità a questo ambito tessile in tutto il mondo organizzando un evento esclusivo per ricordare la sua identità storica”, dichiara Randa Gatthas.
La giovane stilista Eva Scala, di origine Ceca, si è formata al London College of Fashion ed alla Camera Europea dell’Alta Sartoria di Roma e vanta una collaborazione con la prestigiosa casa di moda Alexander McQueen, lancia così dal palazzo borbonico napoletano l’antica tradizione delle sete di San Leucio nel panorama internazionale dell’ alta moda, una produzione che dura da più di duecento anni, con la Real Fabbrica di San Leucio fondata da Ferdinando IV e riconosciuta patrimonio dell’UNESCO.
L’evento – défilé, un’ opportunità per rilanciare con tessuti pregiati di origine storica lo sviluppo e la crescita della produzione made in Campania, e far si che il Brand di San Leucio possa rinascere diventando moda e tendenza nel mondo anche attraverso accessori fruibili per le nuove generazioni, così come suggerisce la Ghattas.
Tra l’elegante pubblico, il padrone di casa Sergio Cappelli, Federica de Gregorio di Sant’ Elia in prima fila ad accogliere la principessa Beatrice di Borbone, madrina di eccezione della serata, il Console Maria Luisa Cusati accompagnata da Anna Arfé, il Console Antonietta Di Gianni, il Console Livia Gambardella, Oriana Rivelli con il nipote Mario, Tullia Gargiulo, Ada Maddaloni, Lilli e Carlo Antonio Leone, Rita Puca, Fiorella Gleijeses, Lidia De Simone, Paola Abbamonte, Massimo e Barbara Milone, Laura Marsico, Manuela Ascanio, Valeria Fonzone.