Luigi Vinci e la tragedia di Torre Annunziata: Fate presto con il Fascicolo del Fabbricato

63

Caro Direttore,
la recente tragedia di Torre Annunziata mi spinge a ritornare sul tema del Fascicolo del fabbricato. E come immaginerà, mi rattrista non poco dover riprendere l’argomento sotto la spinta di una nuova urgenza. Questo perché fino ad oggi molto si è detto ma molto poco si è fatto pur avendo a disposizione, già da molto tempo, lo strumento giusto per prevenire tale disastro.
Si tratta di un percorso lungo che risale al 1997, un progetto che divenne  legge nel 2002, ma poi bloccato da un successivo ricorso.
La Campania è stata quindi la prima regione a dotarsi di una normativa sull’argomento per evitare sciagure di gravi entità grazie alla messa in sicurezza degli edifici. Con l’adozione del Fascicolo del fabbricato si sarebbero potuti infatti scongiurare nuovi crolli di palazzi come purtroppo quello che è costato la vita a ben otto abitanti.
Dotarsi di una carta d’identità dell’edificio che fotografa lo stato di salute delle abitazioni e che garantisce un controllo serrato sui fabbricati e sui lavori diventa una assicurazione per la vita a chi vi abita.
E’ da anni che come ordine professionale ci battiamo per realizzare una mappa catastale volta a monitorare le condizioni degli edifici, e registrare i lavori e gli interventi effettuati diventa ora sempre più impellente.
Egregio Direttore, concorderà con me sulla stanchezza di doverne solo parlare, la consapevolezza di agire non oggi ma ieri è la priorità.
Mettere in sicurezza il patrimonio edilizio significa avviare il più grande e lungimirante piano economico e tecnologico che si possa immaginare. Un progetto che vede interagire in ruoli diversi, ma complementari, pubbliche amministrazioni, università, centri di ricerca, imprese, cittadini, ordini, professionisti di tutte le categorie, insieme per il bene comune. Sebbene siano utili anche i vantaggi fiscali del Sismabonus ed Ecobonus che erogano incentivi per il controllo e quindi l’adeguamento strutturale degli edifici, occorre ora fare presto con altre misure di sostegno economico e finanziario. Solo attraverso una campagna di sensibilizzazione dei cittadini unita a tecnici ed istituzioni, si può promuovere un piano di conoscenza dello stato dei fabbricati per definire la messa in sicurezza del patrimonio, il tutto da realizzare con imprese e maestranze realmente qualificate.
Conoscere in anticipo le caratteristiche di un edificio attraverso il Fascicolo del fabbricato, consente quindi di prevedere interventi strutturali, impiantistici ed altri adeguati per la piena agibilità dei fabbricati ed evitare disastri, salvaguardare vite umane e contenere i danni degli immobili.
La Regione Campania ha proposto un piano di rigenerazione urbana che a partire dalle misure già individuate e con l’aiuto di fondi statali, regionali e comunali, sia volano per l’attivazione rigorosa di pratiche e interventi di protezione, manutenzione e cura del patrimonio urbanistico. Ora con il nuovo ddl in Senato sembra torni l’ipotesi di rendere il Fascicolo obbligatorio, il documento sarà redatto da un professionista e costituirà titolo di agibilità sismica e aggiornamento catastale. Solo per elencarne alcuni, tra gli step necessari da percorrere per ogni immobile di proprietà privata presente nel territorio, la produzione del fascicolo del fabbricato, che debitamente aggiornato, sarà condizione per il rilascio di ogni tipo di   autorizzazione e certificazione di competenza comunale all’intero fabbricato o a singole parti dello stesso. Inoltre il disegno di legge prevede che il proprietario che abbia fatto istanza per ottenere il fascicolo, possa godere di una detrazione del 50% per le spese debitamente documentate e sostenute entro il 31 dicembre 2018.
Mi auguro davvero che il lungo tempo per arare sia ormai trascorso, questo è il tempo giusto per mietere il bene della città e dei suoi abitanti, di tutta la nostra regione e dell’intero Paese.

Luigi Vinci, Presidente Ordine Ingegneri di Napoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here