L’Unione stampa sportiva italiana ha 75 anni: a Genova e Napoli si fa festa, come nel ’46, a bordo di navi Msc

44
In foto Gianfranco Coppola, presidente dell'Ussi

Come nel 1946. A Genova, a bordo della motonave Philippa. L’Unione Stampa Sportiva Italiana festeggia 75 anni di vita e di storia e lo fa nel capoluogo ligure a bordo di Msc Overview martedì 9 novembre prossimo. L’Ussi nazionale e il Gruppo Ligure Giornalisti Sportivi (che a sua volta compie 75 anni) hanno voluto organizzare un evento celebrativo con la presenza di prestigiose firme del giornalismo sportivo e alcuni grandi campioni dello sport italiano di questi ultimi 75 anni. “Il Racconto dello Sport” sarà una cerimonia ancora “limitata” nella partecipazione a causa dei protocolli anticovid ma che potrà essere seguita in diretta streaming sul profilo facebook e sul sito Ussi. Una festa in due atti: dopo Genova, anche Napoli ospiterà un analogo evento il prossimo 7 dicembre per permettere la partecipazione del maggior numero di consiglieri Ussi e presidenti dei Gruppi regionali. “I 75 anni di Ussi sono il racconto di un pezzo di vita per noi, per tanti – afferma Gianfranco Coppola, presidente Ussi-. Sulla Philippa fu costituita un’associazione che aveva per obiettivo esaltare lo sport, con linguaggio epico ma anche con amore verso chi in quel tempo aveva il dovere parlando di sport di segnare la ripartenza del Paese. Tocca anche a noi oggi, 75 anni dopo, se tra usi ed abusi commerciali e restrizioni Covid faticosamente cerchiamo spazio in casa nostra: stadi, palazzetti, palestre”. Fare giornalismo sportivo oggi, “è racconto di pezzi di vita e frutto di incontri ravvicinati, incrocio di sguardi, studio della postura e della reazione a domande, alla volontà di aprirsi e raccontarsi. Un compleanno è per forza non solo un fatto anagrafico. E’ stato lo sport a regalare gioia e orgoglio al Paese, tra Olimpiadi e Giochi Paralimpici e non solo, e vuol dire che chi racconta lo sport è una figura di primo piano nel giornalismo fatto di competenza e cuore”. Il “Racconto dello Sport” potrà contare su prestigiose testimonianze. Da Roberto Beccantini (firma di Tuttosport, Gazzetta dello Sport, La Stampa e Guerin Sportivo, per molti anni giurato italiano del ”Pallone d’oro”) a Gianni Merlo (Gazzetta dello Sport, oggi presidente dell’Associazione internazionale della stampa sportiva), passando per Filippo Grassia (firma, volto e voce storica del giornalismo sportivo, past president Ussi dal 1991 al 2002) e Xavier Jacobelli (Direttore oggi di Tuttosport dopo aver guidato CorSport e lanciato QS). E ancora Lucia Blini (Vicedirettore NewsMediaset e storico volto di Studio Sport), Piero Sessarego (già inviato del TuttoSport, caporedattore sport e prima firma de Il Secolo XIX), Vito Romaniello (caporedattore Lapresse, già telecronista di Stream e Mediaset Premium, sopravvissuto dopo una lunga battaglia contro il covid) e Guido Zucchi (storico fotografo del Guerin Sportivo).