M5S, Di Maio: Chi cambia partito pagherà multa 100 mila euro

81
in foto Luigi di Maio

“Chi dovesse cambiare partito e collocazione dopo essere stato eletto con il nostro Movimento, pagherà una multa da 100 mila euro. Così ci penserà su un migliaio di volte prima di tradire la fiducia che ha ricevuto”. Così Luigi Di Maio ad Avellino sui “voltagabbana” che, secondo il candidato premier del M5S, “hanno contribuito in maniera decisiva ad approvare leggi che non c’erano in nessun programma del 2013come la legge Fornero, il Jobs Act, la Buona Scuola: sono leggi passate grazie a chi ha cambiato casacca, gli stessi che oggi dicono di volerle abolire”. In un passaggio del suo intervento, Di Maio ha fatto riferimento a Vittorio Sgarbi, il critico d’arte candidato dal centro-destra nel collegio di Pomigliano d’Arco (Napoli) dove è candidato anche Di Maio: “Ogni mattina, anche sotto la doccia, impreca contro di me. Ho chiesto ai miei concittadini di accoglierlo bene, di offrirgli il caffè. Questa gente si batte con il sorriso”.