Made in Italy, 39 domande al Mise: contributi per 4,3 milioni di euro

49

Sono 39 le domande presentate, per un ammontare complessivo di 4,3 milioni di euro di contributi agevolativi, per promuovere all’estero, in fiere e saloni internazionali, i marchi collettivi e certificazioni del made in Italy. È quanto emerso allo scadere dei termini del bando per il 2021 pubblicato dal Ministero dello Sviluppo economico. La misura, ricorda il Mise, sostiene la partecipazione dei vari organismi associativi e dei consorzi di tutela per la promozione dei marchi a eventi collaterali di manifestazioni fieristiche internazionali; incontri bilaterali con associazioni estere; seminari in Italia con operatori esteri e all’estero; azioni di comunicazione sul mercato estero, anche attraverso GDO e canali on-line; creazione di comunità virtuali a supporto del marchio. ”L’obiettivo dell’incentivo è sostenere la presenza delle nostre imprese sui mercati esteri, promuovendo e valorizzando i marchi del made in Italy in fiere e saloni internazionali”, dichiara il ministro Giancarlo Giorgetti. Le iniziative di promozione all’ estero devono essere realizzate entro 10 mesi dalla domanda di approvazione di contributo da parte di Unioncamere, che gestisce la misura per conto del Mise.