Made in Italy: Fantin, con metallo 100% riciclabile sostenibilità e km zero

45

Roma, 6 feb. (Labitalia) – Prodotti in metallo 100% riciclabili, fra sostenibilità e km 0. E’ il made in Italy che, da 50 anni, esprime l’azienda veneta di arredi Fantin. Un viaggio iniziato nel 1968, che parte dalla ‘Fantin Fratelli’ – fondata da Dorino e Ferruccio – e che arriva ad oggi alla seconda generazione. Dal 2013, affidando la direzione artistica a Salvatore Indriolo, l’azienda ha intrapreso un percorso di Design Company dal respiro internazionale, creando la nuova immagine coordinata e finalizzando il restyling dei prodotti storici di successo, oltre allo sviluppo di nuove collezioni. Fra gli ultimi riconoscimenti ricevuti, il Design Awards nella categoria Cucina per la cucina Frame ideata da Salvatore Indriolo, premiata per una molteplicità di valori che vanno dal concept all’estetica, fino alla funzionalità e all’operatività.

“Fantin – spiega una nota dell’azienda – trasforma con passione il metallo per creare le sue collezioni che, curate nei dettagli della tecnica e dell’estetica, si adattano ai contesti più diversi: dalla casa all’ufficio, fino alla collettività e all’industria. Un’ampia offerta di soluzioni sempre eco-sostenibili perché realizzate prevalentemente da elementi monomaterici in metallo (100% riciclabile) e, nel caso di prodotti composti da più materiali, ideati per essere facilmente disassemblati per consentirne la separazione per il riciclo”.

L’azienda, infatti, ha sempre considerato come prioritario l’allungamento del ciclo di vita dei propri prodotti, in modo da ridurre il consumo di materie prime dovuto alla loro sostituzione. “Questo continuo impegno – sottolinea la nota – si è concretizzato sia nell’utilizzo di metallo 100% riciclabile e proveniente esclusivamente dall’Unione europea (che ne determina la massima qualità ed eticità) sia in tecnologie produttive all’avanguardia, come il nuovo reparto di verniciatura, che utilizza esclusivamente vernici atossiche esenti da metalli pesanti e permette un minor consumo di colore a polveri grazie a un innovativo sistema di riciclo interno”. Tutte le lavorazioni esterne, inoltre, avvengono nel raggio di 25 km dalla sede produttiva di Fantin.