Made in italy: in Giappone inaugurati 140 corner Gabel con Aeon

9

Roma, 8 ott. (Labitalia) – Il made In Italy rappresentato dal gruppo Gabel sbarca in Giappone. Gabel, gruppo industriale che comprende i brand Gabel, Somma, Vallesusa e Pretti e che dal 1957 si distingue nel panorama tessile per il controllo della filiera produttiva, interamente in Italia, aveva annunciato a marzo 2018 un importante accordo con Aeon Group. In occasione dell’Italian Festival, la manifestazione dedicata all’Italia organizzata dal Gruppo Aeon, sono stati presentati 140 corner totalmente allestiti con la biancheria Gabel, simbolo del made in Italy.

La multinazionale con headquarter in Giappone e presente in tutta l’area asiatica, a partire dalla Cina, Filippine, Malesia, Indonesia, Vietnam e in molti altri Paesi, ha un fatturato di 8,2 trilioni di yen, 520.000 dipendenti e una rete distributiva di oltre 20.000 punti vendita. Il Gruppo Gabel ha realizzato tre disegni ad hoc per Aeon Group, che si possono coordinare tra loro, dedicati sia alla camera da letto che al bagno, presentati durante lo speciale Italian Festival.

“L’azienda comasca è stata scelta per i valori e per l’eccellenza e l’attenzione alla qualità delle materie prime utilizzate, interamente certificata ‘made in Italy’. Un accordo importante quello tra i due gruppi aziendali che riconosce in Gabel l’eccellenza nel settore e che sicuramente porterà risultati importanti e soddisfacenti non solo in Giappone ma su tutti i mercati asiatici”, sottolinea una nota dell’azienda.