Made in Italy: innovazione italiana protagonista in Cina con Sabaf

11

Roma, 17 ott. (Labitalia) – Dopo la presentazione del sito e del video aziendale per il mercato cinese durante la passata edizione, Sabaf, l’azienda italiana tra i primi produttori al mondo di componenti per cucine e apparecchi domestici per la cottura a gas, è di nuovo protagonista alla China Import and Export Fair, in corso a Guangzhou, in Cina, fino al 19 ottobre. Giunta alla sua 124ma edizione, la cosiddetta Fiera di Canton è un appuntamento imperdibile a livello mondiale nel mercato dei macchinari e delle nuove tecnologie fin dal 1957 e Sabaf è tra le pochissime aziende italiane presenti. Una presenza che conferma il livello di primo piano dell’azienda che, per l’occasione, non solo presenta l’intera gamma dei propri prodotti, ma anche un’interessante serie di nuovi prodotti derivanti dalle ultime acquisizioni del gruppo. L’italiana Arc e la turca Okida sono entrati a far parte a tutti gli effetti della multinazionale italiana che, in modo diverso, completano l’offerta del brand.

“Arc – spiega una nota dell’azienda – è riconosciuta come produttore di riferimento sul mercato internazionale della cottura professionale per qualità e prestazioni. Queste caratteristiche derivano dal profondo know-how di Arc, dalla altissima professionalità delle maestranze impiegate in azienda, dall’utilizzo dei migliori macchinari a controllo numerico nella produzione e dalla selezione accurata dei propri fornitori con i quali si lavora in co-makership. Le linee di bruciatori a gas coprono per intero ogni esigenza dei produttori di cucine garantendo una altissima affidabilità nell’uso professionale. La turca Okida, ultima acquisizione in ordine di tempo, è leader nella progettazione, produzione e vendita di schede elettroniche di controllo, timer, unità di visualizzazione e di alimentazione per forni, cappe, aspirapolvere, frigoriferi e congelatori”, aggiunge la nota.

“Con questo passo Sabaf – sottolinea – entra in un settore nuovo ma complementare, che le permetterà di ampliare in maniera significativa e qualitativa il proprio portafoglio prodotti e di attingere e applicare le competenze del settore elettronico, che sta acquisendo sempre più importanza, al settore della cottura a gas tradizionale”. Con queste novità, la multinazionale italiana si conferma nell’élite di questo evento che riscuote sempre grande successo grazie a caratteristiche molto apprezzate dagli addetti ai lavori. Dispone infatti di una superficie di 1,18 milioni di mq, oltre 60.000 stand, 24.000 espositori, più di 150.000 tipi di prodotti e oltre 200.000 professionisti provenienti da 201 paesi.