Made in Italy: Parmigiano Reggiano e Prosecco campioni Dop e Igp in valore

26

Roma, 13 dic. (Labitalia) – Il valore alla produzione delle Dop e Igp cresce, il Rapporto Ismea-Qualivita ‘#Dopeconomy’ ha stilato una classifica dei primi 15 alimenti e dei primi 15 vini a Indicazione geografica made in Italy mettendo a confronto i dati 2016 e 2017. Al primo posto è il Parmigiano Reggiano Dop con 1,34 mld euro (+19,5%), al 2° Grana Padano Dop con 1,29 mld euro (0,0%), al 3° posto il Prosciutto di Parma Dop con 850 mln euro (+4,1%). A seguire al 4° la Mozzarella di Bufala Campana Dop con 391 mln (+5,0%) e al 5° Aceto balsamico di Modena Igp con 390 mln (+2,5%) che il 1° prodotto per valore all’export 897 mln di euro. Al 6° posto figura Gorgonzola Dop, al 7° Prosciutto di San Daniele Dop. All’8° Mortadella Bologna Igp, al 9° Bresaola della Valtellina Igp e al 10° Pecorino Romano Dop. Il valore alla produzione pone all’11° la Pasta di Gragnano Igp, al 12° Speck Alto Adige Igp, al 13°Asiago Dop, al 14° Mela Alto Adige Igp e al 15° Mela Val di Non Dop.

Il Prosecco Dop con 631 milioni di euro (+0,3%) guida la classifica dei vini di qualità in termini di valore alla produzione. Al 2° posto Conegliano Valdobbiadene – Prosecco Dop con 184 mln (+14,0%) e al 3° Delle Venezie Igp con 114 (-32,7%). E’ il rapporto Ismea Qualivita ‘#Dopeconomy’ a diffondere una vera e propria classifica. Al 4° posto figura Asti Dop, al 5° Terre Siciliane Igp, al 6° Amarone della Valpolicella Dop, al 7° Alto Adige Dop, all’ 8° Chianti Classico Dop, al 9° Barolo Dop e al 10° Valpolicella Ripasso Dop. A seguire all’11° Chianti Dop, al 12°Veneto Igp, al 13°Brunello di Montalcino Dop, al 14° Montepulciano d’Abruzzo Dop e al 15° Trentino Dop.

“Il made in Italy agroalimentare è un fattore trainante dell’economia italiana ed è conosciuto in tutto il mondo. Ma è minacciato e sta subendo un attacco senza precedenti in sede Onu”, ha affermato il direttore generale di Ismea, Raffaele Borriello, a proposito della Risoluzione Onu, che viene messa ai voti proprio oggi, sulle etichette ‘a semaforo’ che penalizzerebbero in maniera ingiustificata le eccellenze simbolo del made in Italy agroalimentare. “Sotto attacco – ha detto – sono i nostri prodotti tipici come le Dop Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, Mozzarella di bufala, solo per citare qualche esempio. E’ un attacco ad un sistema economico importante del nostro Paese ed è necessario che tutto il Paese (mondo agricolo, governo e istituzioni) reagisca compatto per salvaguardare le nostre eccellenze ed i nostri territori”.