Mafia: estradizione Gallina dagli Usa, il killer dei Cosa nostra arrivato a Fiumicino (2)

12

(Adnkronos) – Ferdinando Gallina in data 19 marzo 2008 fu arrestato, dopo un breve periodo di latitanza, dai militari della compagnia Carabinieri di Carini nell’ambito della cosiddetta “operazione Tsunami”, “manovra investigativa che aveva permesso di accertarne il ruolo di reggente della famiglia mafiosa di Carini, in quanto collettore delle direttive inerenti la gestione dei lavori pubblici e l’imposizione del “pizzo” nonché per aver mantenuto un costante collegamento con gli allora latitanti Salvatore e Sandro Lo Piccolo e Gaspare Pulizzi”. A seguito di un periodo detentivo svolto in carcere lo stesso veniva sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di dimora nel comune di Carini, rendendosi però irreperibile dalla data 27 gennaio 2016. Il prosieguo dell’attività info-investigativa esperita nei suoi confronti permetteva di acclarare che si fosse recato negli USA dove veniva arrestato da personale della frontiera per il reato di immigrazione clandestina e trattenuto presso gli istituti penitenziari competenti, nei quali è rimasto in custodia fino ad oggi in attesa di essere estradato per i reati sopra enunciati.