Maifredi: A Napoli presto un distretto universitario dell’hi-tech

61
 
 

“La Apple è solo la prima di un progetto articolato che gira intorno all’università. Obiettivo? Realizzare un grande distretto formato da imprese specializzate nel settore dell’ alta tecnologia”. Lo ha dichiarato al Velino, Gaetano Manfredi, il rettore della Federico II di Napoli tra i responsabili della buona riuscita dell’avvio dei corsi Apple all’interno del polo universitario in uno dei quartieri più difficili di Napoli. “Abbiamo contatti con grandi aziende internazionali – ha sottolineato – che vogliono investire a Napoli, non solo Cisco. Ieri per esempio ho incontrato il manager del colosso cinese degli smartphone Huawei. Il mio grande sogno è creare opportunità per nostri ragazzi. A breve annunceremo iniziative su San Giovanni che partono dal programma ‘Industria 4.0′. Il quartiere diventerà il luogo per la formazione e la ricerca. Il Governo? E’ ovvio che è direttamente coinvolto. Già con il Patto per Napoli ho notato con piacere che si guarda con grande attenzione a Napoli Est dalle bonifiche, al tema dei trasporti, all’edilizia”. “I ragazzi che stanno partecipando ad ios Developer Academy sono contenti. Si tratta di un corso impegnativo – ha ricordato Manfredi – e i nostri studenti vogliono vincere sfide complicate. Io ho da sempre un sogno, un sogno che coltivo molto prima della mio arrivo al rettorato. Immagino che l’università sia davvero quel moto di sviluppo per il Paese, per la nostra città e per la nostra Regione”. Lo sforzo del rettore, a capo di una delle università più importanti d’Italia, è quello di rilanciare la crescita economica del quartiere: “Il mio non è un semplice desiderio ma mi impegno con determinazione per far funzionare le cose. San Giovanni a Teduccio per esempio e’ gia’ coinvolta nel nostro progetto e proprio per questo stiamo gia’ lavorando a numerose iniziative culturali aperte ai cittadini, realizzando progetti con l’aiuto di associazioni, comitati e municipalità”.