Maimone (Nd.it): Per l’Italia è necessaria una democrazia più avanzata

68
in foto Biagio Maimone

“Un nuovo capitolo della storia italiana è alle porte. Il Presidente Mattarella dovrà, necessariamente, confrontarsi con l’urgenza di innovare la vita politica
affinché essa possa rigenerare la vita di un popolo stremato dalla pandemia, che ha seminato e sta seminando morte e miseria, al pari delle guerre di un secolo fa.
Forte e dirompente è in Italia la voce di tanti cittadini che anelano a nuovi condottieri politici, i quali siano in grado di ricostruire il tessuto sociale, economico ed umano della nostra nazione, danneggiato dalla catastrofe provocata dalla pandemia”. Lo dichiara Biagio Maimone, fondatore del MovimentoNuova Democrazia“.
“Ed ecco farsi strada, tra tante macerie, la voce umana ed altisonante, che inneggia alla speranza, di un movimento il quale veicola una corrente di pensiero
denominata nuovademocrazia.it, che richiama al dovere di porre al centro l’essere umano.
Il movimento è Nuova Democrazia”, si legge ancora in una nota. “Esso sottolinea l’urgenza di porre al centro dell’azione politica l’Uomo-Dignità, l’Uomo-Diritti umani e civili, l’Uomo-Universo e l’Uomo-Lavoro perché l’Italia possa, finalmente, tornare a vivere e a crescere”.
Biagio Maimone, fondatore del Movimento “Nuova Democrazia“, afferma altresì: “Non vi è dubbio che l’essere umano debba riappropriarsi della sua identità negatagli, debba ritornare ad essere soggetto e non oggetto. Difatti, solo se diviene soggetto la realtà diviene la sua dimora e le leggi della natura, che garantiscono la salute dell’ecosistema, potranno essere rispettate. Perché l’essere umano divenga soggetto e non sia più oggetto occorre far vivere un nuovo modello di democrazia, le cui regole di vita saranno improntate al principio dell’eguaglianza autentica di tutti gli esseri umani. Nuove regole sociali, nuove leggi potranno garantire il governo dei cittadini e dell’ecosistema”.
Di qui Maimone prosegue: “Per noi la parola popolo rimanda indiscutibilmente alla parola cittadino, che contiene in sé il riconoscimento dei diritti fondamentali di chi abita un determinato territorio, che si definisce Stato. Chi abita in uno Stato non è un apolide, ma è un cittadino, ed in quanto tale, gode di tutti i diritti fondamentali che connotano la persona e la sua dignità. Il Movimento nuovademocrazia.it si fonda, per tale ragione, sull’impegno dei cittadini di buona volontà, appartenenti a tutte le fasce di età, animate dall’amore per l’essere umano, dallo spirito di giustizia, dalla cultura del diritto, da una concezione della politica che coniuga il piano materiale con il piano spirituale della vita, presupposti ineludibili per far vivere lo stato di diritto e per garantire lo sviluppo di un’economia che si possa definire “Dal Volto Umano”, in quanto pone al centro l’uomo e la natura, non disumane leggi economiche, tese solo alla ricchezza di pochi”.
Maimone Biagio afferma inoltre: “I valori sociali ed umani denotano l’identità della nuova Democrazia, che si prefigge , pertanto, l’obiettivo di abbattere il divisionismo e la frammentazione sociale, nonché l’assenza dei valori umani fondamentali, che costituiscono i mali a cui conduce il populismo, che, man mano, porterà alla deriva la nostra
società. La politica non deve essere un affare, un business, uno scambio di favori, ma deve prendersi cura dei cittadini, soprattutto degli ultimi per renderli uguali agli altri cittadini.
Non più poveri! E’ questo il nostro slogan. Nuovademocrazia.it guarda al futuro, tenendo presente il passato e la storia della democrazia italiana, a partire dai Padri della Costituzione. Chiediamo con voce ferma, risoluta ed altisonante agli uomini politici italiani di divenire come i nostri Padri Costituenti e di ricostruire l’Italia con l’ardore, l’amore , lo spirito di onestà e giustizia sociale di quegli uomini che , dopo l’atroce e disumana seconda guerra mondiale, ricostruirono l’Italia. E’ certo che essi fossero Donne e Uomini di Buona Volontà”.
Quindi un appello: “Tornino i politici italiani ad essere donne e uomini di buona volontà . E’ in atto un’altra guerra , sicuramente più atroce della seconda guerra mondiale in quanto spara a zero sull’intera popolazione umana. Occorre nuovamente ricostruire l’Italia. Per farlo occorre mettere da parte l’egoismo e far propria la politica dell’amore che genera la vera democrazia, ora non più teoria, ma ineludibile necessità pragmatica per ricostruire la vita socio-economica, la vita morale e culturale della nostra nazione umiliata, come i territori dell’intero universo, dalla drammatica pandemia. Il caldo abbraccio della vera democrazia farà crescere non solo materialmente il cittadino, ma anche moralmente, rendendolo soggetto e non rude oggetto senza anima, da lasciare ai bordi della società perché inutile. Al centro deve essere posto l’essere umano ed il creato, la donna e l’uomo, al centro devono essere poste le leggi, o meglio le leggi umanizzanti, al centro deve essere posto il lavoro, al centro deve essere posta la cultura intesa come continuo accrescimento della conoscenza, che fa progredire i cittadini e li conduce verso tappe sempre più evolute dello sviluppo umano e sociale. Chi deve governare l’Italia non può esimersi dall’essere una donna ed un uomo di buona volontà!”.