Malagò eletto membro del Cio

7

Buenos Aires, 9 ott. – (AdnKronos) – è ufficialmente un membro del Cio. Il presidente del Coni è stato eletto oggi durante la Sessione del Comitato olimpico internazionale a Buenos Aires insieme ad altri otto dirigenti internazionali. Malagò, eletto a titolo individuale, ha ottenuto 66 voti su 74 votanti. Il numero uno del Coni è il 22esimo italiano della storia ad entrare nel Cio, il 16° a titolo individuale. Subentrerà il 1° gennaio 2019 a Mario Pescante, che lascerà la carica per sopraggiunti limiti di età.

Era da 24 anni che l’Italia non aveva un membro Cio eletto a titolo individuale, vale a dire indipendentemente dalla carica ricoperta. L’ultimo era stato Pescante che proprio in questa Sessione lascia la parte attiva per raggiunti limiti d’età e diventa membro onorario. Successivamente soltanto nomination sulla base dei ruoli ricoperti nelle federazioni internazionali o in quota atleti. Mai nessuno dei suoi 15 predecessori era nato a Roma (tra i membri italiani del Cio, non a titolo individuale, l’altro nato a Roma è Ottavio Cinquanta). Il primo dirigente italiano a diventare membro Cio era stato il conte napoletano Ferdinando Lucchesi Palli che entrò nel governo olimpico in occasione della fondazione del Cio nel 1894 a Parigi.

Con l’uscita di Pescante e l’ingresso di Malagò i membri italiani del Cio restano tre: insieme al presidente del Coni ci sono infatti Franco Carraro e Ivo Ferriani (in qualità di presidente di federazione internazionale e da oggi anche membro dell’Esecutivo del Cio). Con Malagò entrano nel Cio Daina Gudzineviciute (Lituania), Felicite Rwemarika (Ruanda), Camilo Perez Lopez Moreira (Paraguay), Samira Asghari (Afghanistan), William Blick (Uganda), il principe Jigyel Ugyen Wangchuck (Bhutan), Morinari Watanabe (Giappone) e Andrew Parsons (Brasile).